Commenta

Nuovo spazio verde
a Cremona con il progetto
'Oltre il giardino' IL VIDEO

Taglio del nastro per il nuovo cancello che mette in comunicazione il giardino del centro diurno Barbieri di via 11 febbraio gestito da Cremona Solidale e gli spazi in cui operano le cooperative del consorzio Solco Cremona di via Bonomelli, su area in parte di proprietà della Fondazione Moreni. Un’iniziativa fortemente voluta da Fondazione Città di Cremona e dal Comune, che consente non solo di sperimentare nuove forme di integrazione nei servizi alla persona, ma anche di aprire un corridoio pedonale percorribile liberamente durante le ore diurne, tra le due vie. Sarà sorvegliato da una telecamera e gestito da un servizio di portierato.
Questa mattina, mercoledì 22 maggio, il giardino è stato animato dagli anziani del CDI ‘Barbieri’, alcuni dei quali anche residenti, dai ragazzi delle cooperative che fanno parte del Solco Cremona (in particolare Nazareth, Varietà, Borea, Gamma, Cosper, Pulisoft, Consorzio Mestieri, centro diurno Giona) e dagli alunni della scuola primaria Realdo Colombo, che avevano già preso parte a diverse iniziative in questi stessi spazi un paio di anni fa. Circa 70 i bambini accompagnati dagli insegnanti, che hanno sperimentato i nuovi giochi e le potenzialità di aggregazione di questo spazio verde, con vialetti ombreggiati da piante secolari, panchine e due aree distinte, un campo di calcio e un campetto da basket. Al di là del muro si apre l’ampio spazio verde del campo di calcio, dalle varie potenzialità di utilizzo e i molteplici servizi del Solco.

Hanno preso parte questa mattina all’inaugurazione la presidente di Fondazione Città di Cremona Uliana Garoli, accompagnata dai consiglieri Giancarlo Storti, Fiorenzo Bassi, Paola Romagnoli; il sindaco Gianluca Galimberti, l’assessore alla Trasparenza e Vivibilità sociale Rosita Viola e i colleghi di giunta Andrea Virgilio e Barbara Manfredini; la presidente del consorzio Solco Cremona Giusy Biaggi; il presidente di Cremona Solidale Emilio Arcaini e la coordinatrice sociale Roberta Barilli. Presenti inoltre rappresentanti della fondazione Moreni e della Fondazione Comunitaria, il vice comandante della caserma Col di Lana col. Giovanni Petrocelli e, in rappresentanza dell’Asst – direzione socio sanitaria, Antonia Cielo. Il parroco dell’Unità Pastorale di cui fa parte la vicina S.Imerio, don Antonio Bandirali, ha officiato alla benedizione.

Hanno contribuito ala realizzazione del giardino le donazioni private, come ha ricordato la presidente Garoli: “Voglio ricordarne due: una è quella della signora Raspagliesi che ha donato tutto per favorire la permanenza degli anziani nel centro della città; l’altra è quella di una cittadina cremonese scomparsa più di recente, Lidia Azzolini, che aveva avuto modo di apprezzare questo ambiente. Il nostro auspicio è che questo luogo venga considerato come proprio da tutti i cremonesi. Pur rimanendo di proprietà privata, chiunque potrà attraversarlo e rendersi conto delle persone e delle realtà che vi gravitano attorno. Adesso dipende dai cittadini cremonesi rendere vivo questo luogo”.
Iniziata anche la raccolta fondi (info su www.fondazionecr.it), con la vendita di bulbi di fiori per colorare il giardino e di mattonelle con cui tappezzare il ‘muro degli amici’. E’ possibile contribuire anche in maniera più sostanziosa, ad esempio con l’acquisto di panchine (proprio oggi è arrivata la donazione di 190 euro da parte di Ance – Associazione costruttori edili, a questo scopo), di altre attrezzature e per la manutenzione del verde.

GUARDA IL SERVIZIO DI Federica Priori

© Riproduzione riservata
Commenti