Un commento

Nuova scuola materna
a S.Felice, l'appalto
all'impresa Beltrami

Tempo di lavori nell’edilizia scolastica cittadina, in particolare in due scuole comunali, in zone diverse della città, entrambe a servizio della fascia d’età 3 – 6 anni. Nel quartiere Po la scuola Martiri della Libertà è chiusa da Pasqua dopo la scoperta – nell’ambito dei controlli sulla sicurezza sismica –  di crepe sospette, per cui il Comune sta facendo eseguire approfondimenti per capire come intervenire. Nella frazione san Felice invece, si contano i giorni per la demolizione della scuola materna e l’avvio della costruzione del nuovo plesso, progettato dall’amministrazione comunale e rientrante nei finanziamenti del ‘Bando periferie’. Nonostante l’incertezza sull’erogazione dei finanziamenti, il lavoro è stato appaltato. La gara si è svolta lo scorso 21 maggio e ha visto l’aggiudicazione all’impresa Paolo Beltrami che ha totalizzato il miglior punteggio complessivo sui 7 partecipanti: 86,42 punti contro gli 85,30 della seconda classificata. Il sistema di valutazione adottato dal Comune teneva in considerazione sia gli aspetti economici sia quelli tecnico – qualitativi. Beltrami si è piazzata prima per gli aspetti tecnico qualitativi con 85 punti mentre è tra le ultime come offerta economica (il 2,4 % di ribasso, contro il 10,7 della migliore offerta). Dunque gli aspetti qualitativi dovrebbero essere garantiti, per una costruzione che da progetto vale oltre 1,5 milioni, parte dei quei 4 milioni di euro di progettazioni architettoniche inserite nel bando periferie.

Il progetto cremonese non era rientrato nei primi 24 selezionati nel 2016, ma  era stato ripescato con tanto di firma di convenzione al Ministero; ora si attende un’ulteriore passaggio alla Corte dei Conti. Se tutto filerà liscio, durante le vacanze estive verrà demolita l’attuale scuola infanzia ed avviata la costruzione di quella nuova con annesso spazio polifunzionale. Il bando richiedeva inoltre rapidità di costruzione, riciclabilità dei componenti e dei materiali e permeabilità visiva tra interno e esterno attraverso ampie vetrate verso i giardini interni e la strada.

I piccoli allievi verranno trasferiti con scuolabus a palazzo Duemiglia in via Brescia, dove sono stati approntati nuovi spazi. Il nuovo anno scolastico potrebbe cominciare altrove anche per i bambini della scuola Martiri: se i lavori richiesti per consolidarla dovessero essere molto impattanti come probabile, sarà necessario dislocare le aule o alla scuola Monteverdi (dove sono stati temporaneamente ricollocati per la fine anno) o in altra sede da individuare. g.biagi

© Riproduzione riservata
Commenti
  • MENCIA

    bene un impresa Cremonese che vince l’appalto