Commenta

Omaggio a Cremona
nell'ultimo singolo dei
'Cani della Biscia'

Bando ai campanilismi tra Cremona e Piacenza. A proporre la tregua ci pensano i Cani della Biscia, la band piacentina che negli ultimi anni distribuisce musica e buonumore in tutti i weekend estivi al di là del ponte e registrando il tutto esaurito negli appuntamenti teatrali invernali. Il ‘ramoscello d’ulivo’ ovviamente si presenta in forma musicale attraverso l’ultimo singolo del gruppo, che oltre a decantare le delizie dei tanti salumi italiani (e relativi effetti indesiderati nel caso si esageri a tavola) contiene una citazione del celebre carosello della cremonesissima Negroni. Ricordate il ritornello “le stelle sono tante, milioni di milioni”? Ritorna nel break strumentale della canzone, seguito in chiusura dallo slogan “vuol dire qualità”. Inserito in alta rotazione nella programmazione di Radio Jtj – la radio di CremonaOggi – ‘Mal di gola’ è il primo brano registrato dai ‘cani’ con il nuovo cantante Alain Scaglia, che da quest’anno sostituisce Valentino Casagrandi.

I Cani della Biscia sono nati nel 2012 in seguito al successo di un’altra band, il trio Fratelli Borgazzi del batterista Carlo Cantore: sua l’intuizione determinante di localizzare precisamente le canzoni dei Borgazzi, citando località, personaggi, locali, espressioni e luoghi comuni dell’area piacentina. Peccato che i tre ragazzi non se la sentissero di uscire dallo studio e affrontare il palcoscenico, da qui la proposta dei futuri membri dei ‘cani’ di prendere in carico Cantore e il suo repertorio, integrandolo in una nuova visione musicale che si affianca a proposte ormai pienamente assorbite dal pubblico italiano come Modena City Ramblers, Max Gazzé, o il più dialettale Van de Sfroos, con un occhio di riguardo per i grandi classici del bel canto all’italiana, che completano le scalette dei concerti.

Ad oggi il gruppo ha pubblicato sei album, e non è esagerato sottolineare che contengono alcuni standard locali che aspettano solo di farsi conoscere oltre gli stretti confini piacentini, visto che le tematiche trattate sono comuni a tante altre province del nord Italia, e non solo. I Cani della Biscia hanno individuato un modo inedito e riuscitissimo di recuperare le tradizioni di una zona vastissima che viveva in balera i suoi momenti più aggreganti e che ora vengono aggiornate secondo ritmiche attuali e irresistibili. Difficile starsene fermi ad una loro esibizione: volete verificare? In arrivo ci sono i primi concerti di un’estate che promette il gustoso abbinamento tra gastronomia e musica: primo appuntamento alla sagra di Pittolo (a due passi da Piacenza, all’inizio della statale per la Val Trebbia) venerdì 31 maggio. Si replica al campo sportivo di Agazzano (Pc) venerdì 7 giugno.

© Riproduzione riservata
Commenti