2 Commenti

Scoperto giro di droga
alle scuole medie:
6 ragazzini nei guai

E’ stato scoperto dai Carabinieri di Cremona, agli ordini del Maggiore Rocco Papaleo, un giro di droga all’interno di una scuola media cittadina. Il risultato degli approfonditi accertamenti svolti dagli uomini dell’Arma ha quindi portato alla denuncia per cessione di sostanze stupefacenti una 14enne di Cremona e segnalato per lo stesso reato (ma non imputabile in quanto minore di 14 anni) un 13enne, sempre residente in città. Segnalati, invece, quali assuntori di sostanze stupefacenti altri quattro studenti, rispettivamente un 13enne residente a Cremona, una 13enne residente a Castelvetro Piacentino, un 12enne residente a Cremona e un 13enne di Cremona.

L’attività d’indagine ha appurato come il gruppetto di minori fosse dedito da qualche tempo alle cessioni e al consumo di gruppo di sostanze stupefacenti (nello specifico hashish) all’interno dei bagni della scuola media dagli stessi frequentata. La vicenda nel corso dell’anno scolastico era stata segnalata dalla scuola stessa, molto attenta e sensibile a questo tipo di problemi, così come al segnalare gli eventuali disagi giovanili. Un’insegnate nel corso dell’orario di lezione, aveva infatti sorpreso due studenti, rispettivamente di 12 e 13 anni, a detenere in aula, rispettivamente un grammo di hashish che la docente aveva provveduto a consegnare ai Carabinieri.

Il proseguo degli accertamenti ha permesso di acclarare un’attività di spaccio e consumo di droga all’interno dei bagni e le successive perquisizioni personali, hanno permesso di trovare, complessivamente, circa 6 grammi di hashish. La droga sequestrata è risultata essere stata introdotta nella scuola dalla studentessa 14enne indagata che in questi giorni è stata oggetto anche di una perquisizione domiciliare delegata dall’Autorità Giudiziaria per i minori di Brescia. La stessa è risultata coadiuvata nell’attività di cessione dal 13enne, che a sua volta oltre a consumarla, è risultato cederla agli altri studenti coinvolti che, opportunamente sentiti alla presenza dei propri genitori, hanno ammesso il consumo di queste sostanze.

Nei confronti degli studenti la scuola ha adottato, a seconda del comportamento e del grado di coinvolgimento degli stessi nella vicenda, dei provvedimenti di carattere disciplinare. Continuano gli accertamenti dell’Arma per risalire ai canali di approvvigionamento delle sostanze stupefacenti ed in particolare e per scongiurare ulteriori episodi di consumo di droghe tra i giovanissimi studenti di questa città.

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Patrizia Signorini

    Ho lavorato per anni nei servizi sociali. Intervenire in modo deciso con misure educative profonde è indispensabile o i ragazzini saranno perduti

  • MENCIA

    in mano un bella zappa e zappare per una giornata intera