7 Commenti

Contenimento del siluro,
da Regione 90mila
euro ai parchi fluviali

90mila euro per il contenimento del pesce siluro: questo l’importo del finanziamento che verrà erogato ai parchi fluviali lombardi Adda sud, Adda nord, Ticino, Lambro, Oglio nord, Serio e Mincio per progetti che consentano di limitare questa invasiva specie. La decisione è stata deliberata dalla Giunta regionale.

“Il siluro sta mettendo in seria difficoltà i pescatori lombardi” commenta l’assessore all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi Fabio Rolfi. “La proliferazione sfrenata di questa specie comporta una riduzione significativa della fauna ittica autoctona. Abbiamo iniziato in collaborazione con gli Enti Parco una serie di progetti che vogliono portare a risultati molto concreti. Abbiamo concordato gli interventi con le associazioni di categoria e ci stiamo coordinando con le Regioni confinanti affinché le risorse non vadano disperse. Vogliamo ridurre drasticamente la presenza di questa specie nelle nostre acque”.

I PROGETTI – Con la delibera regionale sono stati approvati i seguenti progetti, redatti e presentati dai Parchi regionali fluviali lombardi, che dovranno essere conclusi entro e non oltre il 30 novembre 2019:
• Adda Nord – ‘Interventi di contenimento del Siluro nel tratto sublacuale del fiume Adda’: 12.857,14 euro;
• Adda Sud – ‘Contenimento delle specie alloctone invasive – Bacino 06 – Parco Adda Sud. Progetto di intervento sulla specie Silurus glanis’ – 12.850 euro;
• Mincio, progetto di contenimento del Siluro (Silurus glanis) nel fiume Mincio, attività 2019, 12.857,14 euro;
• Serio, interventi di controllo della popolazione di siluro (Silurus Glanis) nel fiume Serio (Parco Regionale del Serio), 12.857 euro;
• Valle del Lambro – ‘Interventi di contenimento del Siluro (Silurus glanis) lungo il fiume Lambro emissario e nel Lago di Alserio’ – 12.857,14 euro;
• Oglio Nord – ‘Proposta di contenimento del Siluro (Silurus Glanis) nel Parco regionale Oglio Nord’ – 12.857,14 euro;
• Ticino – ‘Controllo del Siluro (Silurus Glanis) nella valle del Ticino’ – 12.857 euro.

© Riproduzione riservata
Commenti
  • marcus

    soldi buttati non serve a niente ormai l errore è stato fatto e non si torna indietro

    • mirko ansaldi

      Esatto

  • lucanab83

    Io ho fatto l’errore di rilasciarlo e sono stato visto dalla forestale, multato e levato di licenza per il resto della stagione. È vero che è un pesce infestante però è anche vero che ci sono decine e decine di pescatori che amano quel tipo di pesca qui nel ns territorio se tutti i cominciassero a non rilasciarlo magari qualcosa possiamo fare anche noi.

  • grossoago figliodi

    “Abbiamo iniziato in collaborazione con gli Enti Parco una serie di progetti che vogliono portare a risultati molto concreti”. Al di là dell’ennesima supercazzola alla quale i nostri politici cercano di abituarci (invano per quel che mi riguarda), mi piacerebbe sapere in cosa consistono, nella pratica, questi progetti. Perché detto così come riportato mi sa tanto che sia l’ennesimo regalino, di soldi pubblici, distribuito agli Enti Parco con fini, diciamo così, “conservativi”.

    • lucanab83

      Il progetto prevede delle semplici reti, come è già stato fatto a inizio anno nel tratto del fiume Oglio tra soncino e Orzinuovi.

      • grossoago figliodi

        Se è così, soldi (nostri) regalati.
        Non sarebbe molto più semplice liberalizzare la pesca al siluro consentendo ai “bracconieri dell’est” (ammesso che esistano) di prelevare la specie in modo massiccio ed effettuare controlli mirati perché chi pratica questo tipo di pesca non rilasci gli esemplari catturati?

  • ciclo-pe

    A parte che della fauna ittica autoctona, grazie alle scriteriate politiche di introduzione di specie aliene a scopo sportivo, è rimasto ben poco, c’è in questo programma un’ evidente anomalia e cioè che nell’elenco non figura il fiume Po dove probabilamente il siluro è molto più presente. Finanziare solo i Parchi come se le acque si fermassero ai loro confini ha dell’irreale. Chi glielo dice al siluro del Po che non può sconfinare nei parchi?