2 Commenti

Raggiunto il numero di
iscritti al corso di laurea
in restauro e conservazione

Tra palazzo Raimondi e palazzo Fodri sono in corso in questi giorni le prove di selezione per i cinque posti disponibili del nuovo anno accademico del corso di conservazione e restauro dei beni culturali. Gli studenti che hanno chiesto di partecipare sono dieci e provenienti dai posti più vari. IL VIDEO SERVIZIO

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Angelo Dellamorte

    Non vedo commenti dei soliti brontoloni che lamentavano cattivi investimenti nell’articolo precedente.

  • Giovanni B.

    Solo qualche considerazione: se a fruire i corsi sono tedeschi, cinesi ecc. dove andranno a lavorare e in quale Paese produrranno reddito trasferendo il nostro know how? L’altra considerazione che viene a seguire è: quanti sono gli alunni “stranieri” che apprendono l’arte alla scuola di liuteria? Chi stiamo formando? Per quali imprese? E che produrranno dove? Una riflessione sugli “investimenti” andrebbe fatta…