Ultim'ora
Un commento

Visite a palazzo Calciati
I numeri di telefono
corretti per prenotare

Foto Sessa

E’ il primo palazzo nobiliare completamente arredato della città ad aprire le sue porte al pubblico. Da domenica prossima, 15 settembre, si potrà visitare Palazzo Crotti Calciati, in via Palestro 1, dimora nobiliare che ha mantenuto intatte le decorazioni interne, compreso il mobilio, le tappezzerie e le supellettili. Un’iniziativa di Target Turismo e delle proprietarie, le contesse Anna e Giuseppina Calciati, che rendono disponibile il piano nobile del palazzo anche per eventi e manifestazioni culturali. Quattro appuntamenti già fissati, per altrettante domeniche: 15 settembre, 13 ottobre, 3 novembre, 1 dicembre, in due orari, le 15 e le 16,30. Nella visita di circa 50 minuti le guide di Target Turismo illustreranno le vicende storiche del palazzo e della famiglia che lo abitò, quella del conte Cesare Calciati, il committente che lo fece costruire tra 1763 e 1766. Un palazzo che negli anni si arricchì via via di un sontuoso apparato decorativo, con affreschi di pittori di scuola cremonese, sapientemente restaurato tra 2012 e 2015.

Una volta superato il monumentale scalone d’onore, si apre la grande galleria alle cui pareti campeggiano 28 stampe di altrettante capitali europee. La sala da ballo è dominata da due lampadari in vetro di Murano del ‘700, il secolo che caratterizza lo stile di tutti gli arredi, dei salottini da conversazione e delle tappezzerie. Tra le curiosità, la sedia nella stanza da letto, su cui sedette Mussolini nel 1923; e un originale altare a scomparsa in marmo policromo. Interessante anche la parte documentale in esposizione, con i registri e i libri mastri di famiglia. Tra le preziosità, l’incisione originale del progetto di “Città Modello”  realizzata dal conte Carlo Crotti nel 1844, oggetto di una ristampa anastatica a cura di Francesco Pagliari, il “Progetto di una nuova capitale di vasto regno inventata delineata e descritta da Carlo Crotti di Cremona” (1844),  l’antenato che partecipò anche a numerosi concorsi internazionali. Le condizioni attuali di palazzo Calciati Crotti sono il frutto di un restauro seguito passo passo da Orazio Zanardi Landi, il cui nome è legato al castello di Rivalta in provincia di Piacenza e al circuito dei castelli del Ducato di Parma e Piacenza.

“Gestendo l’ufficio turistico del Comune – spiega Elena Piccioni, titolare di Target Turismo – ci siamo resi conto della grande richiesta da parte dei visitatori per questo tipo di visite. Ci auguriamo che con con palazzo Calciati si dia inizio a nuove possibilità di aperture, come del resto sta già avvenendo con il castello Mina della Scala di Casteldidone”.

AGGIORNAMENTO: Per informazioni e prenotazioni: 347/6098163; 349/5597997; oppure presso l’ufficio Iat di piazza del Comune, tel. 0372407081. Info: www.targetturismo.it; info@targetturismo.it.

g.biagi

Foto Sessa

Le contesse Anna e Giuseppina Calciati

La stanza delle porcellane con l’altare a scomparsa

L’affresco del soffitto della Galleria

Alcuni dei tanti ritratti di famiglia esposti

 

Lo scalone d’onore

© Riproduzione riservata
Commenti