Commenta

“Insieme corriAMO”, ecco
il progetto per superare
le barriere della disabilità

Nella foto, la presentazione del progetto solidaristico durante la campagna abbonamenti 2019/20 della Cremonese

“Insieme corriAMO” è un progetto che nasce dalla collaborazione tra l’Associazione “Marcotti Osvaldo” onlus e l’U.S. Cremonese. L’inclusione è parte fondamentale degli scopi associativi di AMO e questo progetto permetterà alle persone con disabilità di partecipare a competizioni e gare podistiche, realizzando quello che spesso può essere un piccolo sogno. Con Osvy, in passato, ci provammo, rendendoci conto che i problemi da risolvere sono diversi. Il primo è legato al prezzo d’acquisto molto elevato delle carrozzine idonee allo scopo e al fatto che, in seconda battuta, risulta assai difficile reperirle anche a noleggio. Un secondo ostacolo da superare riguarda gli aspetti burocratici da assolvere per poter partecipare ad una competizione sportiva (si pensi, ad esempio, alle coperture assicurative), oppure agli aspetti organizzativi. Infine resta da superare l’ultimo ostacolo: allestire un team di atleti che supportino le persone con disabilità durante lo svolgimento della competizione, spingendo la carrozzina fino al traguardo. Con il progetto “Insieme corriAMO”, ci prefiggiamo di superare ogni barriera per tagliare
insieme un traguardo ancora più importante: quello delle emozioni condivise. Per riuscirci dobbiamo sostituire le parole: “se solo avessimo” con la frase “ora possiamo”. La fattibilità del progetto è partita dalla ricerca e dalla successiva scelta della carrozzina (telaio) e dei seggiolini (seduta) più adatti a questo tipo di competizioni. Dovendo rispondere alle esigenze di persone fisicamente differenti e con differenti disabilità è fondamentale che le attrezzature si possano personalizzare e adattare velocemente secondo i bisogni. La soluzione è data dalla carrozzina Uni-Roller realizzata da Progettiamo Autonomia, fornitore
specializzato nella realizzazione di carrozzine per persone con disabilità.

© Riproduzione riservata
Commenti