Commenta

Digitalizzazione delle
imprese del turismo: bando
aperto fino al 30 novembre

È attivo fino al 30 novembre 2019 il bando per la digitalizzazione delle imprese della filiera turistica e ricettiva della Camera di Commercio di Cremona, che permette alle imprese del settore, ed ora anche ai negozi di vicinato, di ricevere contributi a fondo perduto.

Ciascuna impresa potrà ottenere fino a 2.500 euro di contributi, per interventi di digitalizzazione, tra cui costruzione e rinnovamento del sito web, promozione sui social network, acquisto di attrezzature informatiche (es. computer e tablet) e di software e hardware, e per spese relative alla partecipazione a fiere e manifestazioni, quali Festival della Mostarda, Festa del Torrone, Festa del Salame.

Con queste agevolazioni, la Camera di Commercio di Cremona intende favorire lo sviluppo digitale dell’intera filiera, rivolgendosi non solo a chi svolge attività strettamente turistiche e ricettive, ma anche a maestri liutai, titolari di agenzie di comunicazione, negozi di vicinato, attività editoriali e di produzione video, e a coloro che svolgono consulenza informatica o produzione di software.

Il contributo a fondo perduto sarà pari al 70% delle spese ammissibili, con un importo minimo di spesa di 2.000 euro e un importo di contributo massimo ottenibile di 2.500 euro (5.000 euro se si svolgono interventi su più sedi/unità operative in provincia di Cremona).

Possono partecipare al bando le micro, piccole e medie imprese con almeno una sede e/o unità operativa in provincia di Cremona che soddisfano almeno una delle seguenti condizioni: codice Ateco 32.2, 55, 56, 58-63, 79, 90, 91, 93, oppure appartenenza alla categoria dei “negozi di vicinato”, vale a dire quegli esercizi aventi superficie di vendita non superiore a 150 mq nei comuni con popolazione residente inferiore a 10.000 abitanti e a 250 mq nei comuni con popolazione residente superiore a 10.000 abitanti.

© Riproduzione riservata
Commenti