Ultim'ora
Commenta

Volevano impedire lo sfratto
di due famiglie, 8 a processo
per interruzione di p. servizio

Volevano impedire lo sfratto di due famiglie, uno in via Massarotti e l’altro in piazza De Lera. Otto le persone finite a processo con l’accusa di interruzione di pubblico servizio: si tratta esponenti del centro sociale Dordoni appartenenti al comitato antisfratto. Entrambi gli episodi risalgono alla mattina del 20 aprile del 2015. Davanti al giudice ci sono Gianluca Rossi, Michele Merli Grioni, Swami Cighetti, Andrea Romagnoli, Leopoldo Odelli, Alessandro Mazzini, Durim Hidri e Kennedy Tanase. Alle 10 di quella mattina di quattro anni fa in via Massarotti era previsto l’arrivo di Maria Grazia Zangrandi, l’ufficiale giudiziario che avrebbe dovuto effettuare il primo accesso dell’esecuzione di sfratto nei confronti del romeno Kennedy Tanase. Su accordi presi con il proprietario, si trattava di consegnare all’inquilino una notifica di rinvio. Gli  agenti della Digos arrivati sul posto avevano trovato sette militanti del comitato antisfratto che erano stati invitati a far salire l’ufficiale giudiziario presso l’abitazione per la notifica del provvedimento. I rappresentanti del centro sociale, però, non avevano consentito l’accesso. “Si erano posizionati davanti all’ingresso e ostruivano la porta del palazzo”, ha raccontato in aula uno degli agenti della Digos chiamati a testimoniare, “così è stato chiesto allo sfrattato di scendere per ritirare la notifica”. Stesso scenario era avvenuto due ore più tardi per lo sfratto in piazza De Lera dove abitava Durim Hidri. “Il comitato antisfratto mi impediva di passare”, ha ricordato l’ufficiale giudiziario. “Mi facevano muro davanti”. Anche in quell’occasione, considerato che sul posto non c’era la presenza di un congruo numero di personale in divisa, l’inquilino era stato fatto scendere in strada dove gli era stata consegnata la notifica. Tutti gli otto esponenti del Dordoni sono difesi dall’avvocato Sergio Pezzucchi che ha rinunciato all’esame degli imputati. L’udienza è stata quindi aggiornata al prossimo 30 ottobre.

Sara Pizzorni

© Riproduzione riservata
Commenti