2 Commenti

Cremona - Fidenza
il Comune di Busseto
scende in campo

Scende in campo anche il comune di Busseto (Parma) per denunciare la situazione della linea ferroviaria Fidenza – Cremona. Una linea che da tempo teatro di disagi e problemi che inevitabilmente vengono pagati dai pendolari, sia lavoratori che studenti. Una situazione nota tanto che il comune parmense ha più volte sollecitato gli enti interessati (Ferrovie, Regione Emilia-Romagna, Ministero dei Trasporti) perché fossero apportati miglioramenti alla linea senza esito. Ma, oltre a soppressioni e ritardi (spesso senza spiegazioni o per guasti e altrettanto spesso senza pullman sostituitivi) che costituiscono gran parte dei disagi dei pendolari, c’è anche la carenza di informazioni e le difficoltà per acquistare i biglietti. E’ assurdo – ha afferma l’assessore Elisa Guareschi a Repubblica – che nel 2019 le persone debbano fare chilometri in macchina per acquistare abbonamenti e carte che potrebbero essere acquistati online. Senza contare che ad alcuni di loro sono state date informazioni sbagliate e fatti compilare moduli e carte poi rivelatisi inutili”. I ragazzi, che patiscono ripercussioni anche sul proprio rendimento scolastico a causa dei ritardi, pagano circa 400 euro di abbonamento, ma spesso sono le famiglie a doverli accompagnare a scuola a causa della situazione della linea. “Il servizio – ha concluso Guereschi -è insufficiente, se non inesistente. Questa situazione dura da diversi anni. E’ una vergogna. Il malfunzionamento della linea Fidenza-Cremona è lo specchio di una nazione arretrata e retrograda che vessa i cittadini, ma non è in grado di offrire servizi adeguati”.

© Riproduzione riservata
Commenti
  • franz kapp

    La linea ferroviaria in questione è gestita da Trenitalia, e in Trenitalia si parla il “trenitaliano”, infatti provate ad ascoltare l’annuncio relativo ai bus sostitutivi che recita: “IL BUS SOSTITUTIVO PER FIDENZA È PREVISTO IN PARTENZA NEL PUNTO DI PARTENZA PREVISTO” (sic). Tutto chiaro, o no?

    • mirko ansaldi

      Invece di fare la tav che nel 2035 sarà ormai un opera del giurassico che mettessero a posto le linee italiane da nord a sud dei nostri treni.Siamo con le pezze al sedere..😰😰😰😰😰