4 Commenti

Cr-Mn, dopo l'attacco
di Fontana le repliche
di Pizzetti e Piloni

Sono passati tre mesi dalla riunione in Regione Lombardia sul collegamento tra Cremona e Mantova. Da allora, tutto tace. E’ stato il governatore della Regione Attilio Fontana a tornare sull’argomento, nel suo intervento nel forum PoliticalPress dell’agenzia LaPresse, con una stoccata al ministro alle Infrastrutture, Paola De Micheli, a cui il Governatore aveva inviato una lettera, alla quale non è mai giunta una risposta. Anche perché si era in attesa dell’incontro tra l’assessore regionale Claudia Terzi e il ministro in questione.

Una delle due opere a cui si riferisce Fontana è appunto il collegamento tra Mantova-Cremona. E chiede “risposte dal nuovo Governo giallo-rosso” sui temi delle infrastrutture e dell’autonomia. Temi caldi per la Regione, soprattutto quello sull’autostrada. Alla riunione di fine luglio si era giunti ad ipotizzare cinque scenari possibili, di cui due quelli percorribili: affidamento della concessione a una società pubblica partecipata da Regione Lombardia, che realizzerebbe l’autostrada entro dicembre 2026, per un costo complessivo di 1,2 miliardi di euro, oppure realizzare un importante intervento di riqualificazione della Sp10 (come accaduto per la Paullese) con una spesa di circa 800 milioni di euro.

Nei mesi successivi sono seguite missive inviate al ministero, sia dagli amministratori comunali di Cremona e Mantova, sia dalla Regione. Ma per il momento, dal Governo ancora nessuna risposta.

AGGIORNAMENTO – Non si fa attendere la replica del consigliere regionale Matteo Piloni, che rimanda al mittente le accuse di Fontana al Governo: “Se il giochino della Regione è quello di prendersela con chi è al Governo oggi per non dare risposte ai territori, ci sembra una tattica molto fragile, oltre che inutile” sottolinea. “Puntare il dito contro chi è al Governo da 40 giorni, dopo che la Regione è da 20 anni che deve realizzare l’opera, è davvero imbarazzante.Noi rimaniamo in attesa di risposte ed è la Regione che deve darcele. Il territorio si è espresso e lo farà al prossimo incontro, dopo l’incontro con il ministro De Micheli. Nel frattempo, la giunta regionale faccia quanto deve, a partire dal prossimo bilancio, per iniziare a creare le condizioni per la realizzazione del collegamento veloce tra Cremona e Mantova”.

Non tarda neppure la replica dell’onorevole Luciano Pizzetti, che giudica “fuori luogo le polemiche del Presidente Fontana verso la neo ministra delle infrastrutture, da poco insediatasi. Non rientrano nei suoi classici canoni comportamentali, perciò stupiscono. Sulla infrastrutturazione del nostro territorio servono chiarezza, impegno e risorse. Dunque è urgente l’incontro tra regione e ministero, coinvolgendo gli enti locali cremonesi e mantovani. In tal senso ho parlato oggi con la ministra Demicheli, la quale mi ha assicurato che detto incontro si farà molto rapidamente. Cosicché tutte le disponibilità siano sul tavolo, senza incertezze o furbizie. Per giungere, altrettanto rapidamente, agli interventi che territori e comunità locali auspicano da ormai troppo tempo”.

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Seba

    Caro Piloni prima di Toninelli chi c’era alle infrastrutture ??? Voi globalcattocomunistiradicalchic fatevi un esame di coscienza e non andare a rompere le scatole la mattina presto alla gente che lavora alla stazione di Crema , vada a lavorare ….
    Voi avete spinto alta velocità a discapito dei pendolari è inutile che adesso piangete

    • Trenord è una creatura tutta CDX…. Indifendibile

    • Diretur

      I rifugiati ci sono da dieci anni, al massimo, le ferrovie con il centrodestra nella regione più ricca d’Europa fanno schifo da decenni.. se devi parlare per dare aria alla bocca.. stagna

  • Mirko

    In questa Italia tante parole tante chiacchiere……fatti zero