Commenta

Fasulin, tutto pronto per
una 27^ edizione plastic
free e con il gioco dedicato

Sono parecchie le novità che quest’anno accompagnano la 27esima edizione dei Fasulin de l’òc cun le cudeghe, la maratona gastronomica nelle mura che ha come protagonista il piatto tipico delle
solennità dei defunti (e altre specialità locali), in programma per due weekend consecutivi: Sabato 26 e Domenica 27 Ottobre e di nuovo Venerdì 1, Sabato 2 e Domenica 3 Novembre 2019.

Prima fra tutte la scelta di una manifestazione completamente ‘Plastic Free’.’Amore per il nostro territorio, la sua storia e tradizioni ma anche rispetto per l’ambiente’ , è lo slogan lanciato quest’anno dal Gruppo Volontari Mura Pizzighettone onlus, avvallando la scelta di campo di stoviglie in mater-bi e bottiglie in vetro vuoto a rendere, nonostante i costi più elevati dei materiali. I Fasulin verranno come sempre serviti nelle classiche scodelle di ceramica made in Italy by Tognana con brand dell’evento (scelta che dagli esordi va nella direzione del Plastic Free), che quest’anno sono al centro di un’altra novità: chi ordina il piatto tipico dovrà pagare alla cassa una cauzione di €. 5,00 che verrà poi resa all’uscita, consegnando la scodella. Ciò per evitare i continui ammanchi, che rappresentano una media di oltre 250 pezzi all’anno.

Confermate anche quest’anno le Serate con Prenotazioni, utili soprattutto a pizzighettonesi e cremonesi e a coloro che abitano vicino (come lodigiani e piacentini), che in questo modo possono garantirsi un posto a tavola senza attese e soprattutto senza code (servizio sempre a self service). Le serate su prenotazione precedono l’apertura ufficiale al pubblico e sono previste per Venerdì 25 Ottobre e Giovedì 31 Ottobre, dalle 19 alle 23. Per prenotare è sufficiente inviare una mail a info@fasulin.com o accedervi dal sito www.fasulin.com, quest’anno completamente rinnovato.

Intanto è stato presentato ufficialmente ieri sera presso l’agriturismo Cascina Valentino, ‘Il Gioco del Fagiolino dall’Occhio’. Sulla falsa riga del passatempo da tavolo di un tempo (il gioco dell’oca, ndr), anziché l’oca sarà la scodella dei Fagiolini ad accompagnare bambini e famiglie, giovani e adulti che attraverso il gioco di società potranno andare alla scoperta della città murata, scoprire e imparare a conoscere i suoi monumenti e i personaggi che ne hanno fatto la storia locale. La partenza, dall’Ufficio turistico di piazza D’Armi, quindi un percorso regolato da una coppia di dadi, con varie tappe e caselle e le relative spiegazioni: le celle di isolamento del carcere, la Torre del Guado prigione del sovrano francese Francesco I di Valois, il drago Tarantasio, la polveriera San Giuliano, il fantasma del podestà Giovanni ‘senza testa’, i mosaici della chiesa di San Pietro e poi le caselle ‘speciali’ (ad esempio quelle con la scodella di Fagiolini consentono di guadagnare nuove postazioni).

Si tratta insomma di un viaggio culturale con un gioco di società vecchia maniera in cui, casella per casella, si potranno conoscere – grazie anche afoto e disegni – tutti gli aspetti paesaggistici, storici e monumentali della città murata. Vince chi riesce per primo a fermarsi sulla casella col numero 90 dove bolle il pentolone di Fasulin de l’òc cun le cudeghe. Il progetto storico è stato curato da Gianfranco Gambarelli in collaborazione con l’arch. Giacomo Bassi, mentre la parte grafica da Amedeo Viciguerra. Il gioco sarà uno dei gadget della 27^ Fasulin de l’òc cun le cudeghe: si potrà trovare anche all’Ufficio turistico di piazza D’Armi al prezzo di 15,00 euro (mappa, segnalini, dadi e carte da gioco). Il ricavato verrà destinato al recupero e valorizzazione della cerchia muraria di Pizzighettone.

Intanto è iniziato il conto alla rovescia per l’evento gastronomico dell’anno di Pizzighettone. Sabato 18 Ottobre per promuovere i Volontari Mura e i Fasulin saranno presenti ai giardini di piazza Roma, ospiti del Festival della Mostarda, con degustazioni del piatto tipico pizzighettonese.

© Riproduzione riservata
Commenti