Commenta

Il 10° Reggimento Genio
Guastatori di Cremona
protagonista in Antartide

Ieri il caporal maggiore capo scelto Calogero Monaco, militare in servizio al 10° Reggimento Genio Guastatori con l’incarico di “meccanico di mezzi e piattaforme” è partito, a distanza di un anno, e per la seconda volta consecutiva, per partecipare alla XXXV spedizione Italiana in Antartide. Selezionato tra decine di candidati, ha dovuto superare un complesso iter selettivo e formativo presso il Centro Enea del Brasimonte (Bologna) ed un impegnativo periodo di ambientamento sui ghiacciai del Monte Bianco. Il graduato sarà impegnato presso la Stazione “Mario Zucchelli”, base scientifica avente carattere permanente, operativa dal 1985 ed intitolata all’omonimo ingegnere che è stato alla guida del progetto Antartide dell’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile (ENEA). Alla fine di novembre Monaco si sposterà presso la base “Concordia” che lo ha visto già protagonista l’anno scorso e si occuperà di attività di supporto logistico come la movimentazione dei conteiners, la manutenzione di gruppi elettrogeni e di particolari mezzi utilizzati in quei luoghi (gatto delle nevi, macchine operatrici), oltre ad assistere i tecnici e gli scienziati nelle loro attività di ricerca. Nei giorni passati, con grande orgoglio e ammirazione, il Reggimento ha ricevuto notizia dall’ENEA che anche il caporal maggiore Capo Enrico Alongi ha superato la dura selezione per l’impiego in Antartide e raggiungerà a dicembre il collega Monaco per unirsi alla spedizione. Poter avere ben due guastatori in una missione così impegnativa è l’espressione dell’elevata professionalità delle donne e degli uomini del 10° Reggimento Genio Guastatori, riconosciuta anche in contesti altamente competitivi.

© Riproduzione riservata
Commenti