7 Commenti

Parte raccolta firme per
chiedere più luce in viale Po
Virgilio: 'Situazione migliorata'

Dall’annuncio alle vie di fatto. Un gruppo di residenti del quartiere Po iniziano questa mattina, domenica 27 ottobre, la raccolta delle firme per  la petizione rivolta al sindaco “per la posa di nuovi punti luce sui percorsi ciclopedonali di Viale Po”. L’iniziativa, promossa da un gruppo di residenti in viale Po, mira a rendere più sicura la circolazione dei ciclisti e garantire la sicurezza e l’incolumità dei pedoni.

“Come è già stato rilevato da molti cittadini – affermano i promotori –  la circolazione lungo i percorsi ciclopedonali, dopo il tramonto, è alquanto problematica in quanto con la nuova illuminazione a led solo la carreggiata di viale Po risulta perfettamente illuminata. Risultano invece al buio, per ampi tratti, le piste ciclabili, mentre la circolazione dei pedoni avviene nel buio totale e quindi in condizioni di precaria sicurezza personale. Inoltre, la circolazione dei pedoni è resa ulteriormente pericolosa dalle condizioni disastrose dei marciapiedi che, in numerosi punti, risultano gravemente dissestati”.

Una prima risposta, intanto, viene data dall’assessore che gestisce la delega della pubblica illuminazione, Andrea Virgilio, anch’egli residente in zona Po, sotto forma di un post su Facebook: “Viale Po. Ecco prima e dopo la nuova illuminazione pubblica. Direi che come tutte le cose tutto è migliorabile, ma la qualità è senza dubbio aumentata e la ciclabile è tutt’altro che al buio”. Questo il commento a corredo di due foto che mostrano appunto il prima e il dopo l’intervento di Citelum, la ditta che ha vinto l’appalto un paio di anni fa e che proprio in viale Po realizzò uno dei primi nuovi impianti a led di tutta la città.

Se il problema sono le folte chiome degli alberi, aggiunge il vicesindaco, si potrà agire su quello per rischiarare di più il percorso ciclopedonale.

Il ‘prima’ e il dopo’ delle luci in viale Po nelle foto postate da Virgilio su Facebook

La raccolta delle firme comunque comincia questa mattina sotto i portici di via Adda n.20, lato bar Il Cantuccio, dalle 9,00 alle 12,30 e verrà ripetuta domenica 3 e domenica 10 novembre.

E’ inoltre possibile firmare tutti i giorni nelle seguenti postazioni fisse: Caffetteria Km Zero – viale Po, 15; Bar Sole – viale Po, 21; Bar Belsit – via Oglio, 1; Bar Il Cantuccio – via Mincio, 34; Tabaccheria Persico – piazza Cadorna, 13; Edicole di viale Po, via dei Navaroli e via Trebbia. g.biagi

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti
  • zenigweb

    Un altro punto della città ormai pericolosamente buio a causa dell’illuminazione a led è il cavalcavia del cimitero, lato città, che ne non ha mai avuto illuminazione propria, ma adesso quella del sottostante parcheggio non lo illumina più.

  • Abiff

    Le due foto non sono confrontabili, né per inquadratura, né per tipo di apparecchio usato. Sovraesponendo lo scatto di un altro paio di F-stop sembrerà mezzogiorno.

  • antonio1956

    La strada e le ciclabili sono ben illuminate, e non ce ne sarebbe bisogno considerata la luce autonoma dei veicoli. I pedoni, all’esterno della carreggiata, devono dotarsi di torcia elettrica a pile. Le fotografie lo evidenziano molto bene.

  • Certo che un paio di occhiali nuovi non guasterebbero….
    Dire che la parte pedonale di viale Po è devastata è una falsità….
    Ma si sa, fare polemica sempre

    • Abiff

      A te gli occhiali non servono, visto che viaggi con le fette di salame al posto delle lenti… hihihi!

      • Ah sì?
        Ci sono passato prima di commentare, la zona pedonale è tutt’altro che disastrata.
        Fatti un giro e verifica

        • Abiff

          Se stanno facendo una raccolta firme vuole dire che altri non la pensano come te.