Commenta

I ragazzi del Torriani a
Bookcity Milano con
'la signora del rap'

Sebastian Redini del Liceo delle Scienze Applicate del Torriani è sul palco del Teatro Parenti di Milano con la signora del rap Paola Zukar in occasione di BookCity 2019. Le seconde liceo di informatica partecipano al progetto di Treccani per Bookcity dedicato al volume “Le Parole del Lavoro”, parte della collana “Le parole valgono”. Partendo dal volume di riferimento, il progetto si pone l’obiettivo di offrire ai giovani tra i 14 e i 18 anni gli strumenti necessari per iniziare a riflettere sul mondo del lavoro in modo pragmatico e consapevole.

Protagonista dell’evento che ha dato il via al progetto è stata Paola Zukar, imprenditrice brillante e founder di Big Picture Management, nota come “la signora del rap” per avere lanciato e prodotto i più importanti artisti rap in Italia dagli anni ’90 a oggi. La artist manager ha incarnato il ruolo di “traduttrice”, portando i concetti del volume ad un piano più comprensibile e vicino ai ragazzi.

La traduzione in un linguaggio giovane e lo sfruttamento di riferimenti in trend ha stimolato un interesse reale nei ragazzi su temi legati al mondo del lavoro, a prima vista troppo complessi e lontani da loro. “Non è accettabile la percentuale del 40% di disoccupazione giovanile in Italia – ha detto Zukar – Il lavoro va creato, è un nuovo concetto di lavoro e ci sono parole nuove per spiegarlo”, come racconta ai ragazzi l’ Imprenditrice che, dopo aver insegnato e dopo aver lavorato in una mensa, a fine anni Novanta ha scoperto Fabri Fibra, poi Marrakash e ora segue con attenzione Massimo Pericolo. Nomi che entusiasmano gli studenti, artisti a cui sono legate una serie di nuove figure e professioni. Alla fine dell’ incontro Selene Bramati e Cloe Brognoli, due ragazze di 1d informatica, redattrici di Radioweb Torriani, la web radio della scuola, si sono confrontate con Paola Zukar.

Nei prossimi mesi loro due e gli altri studenti presenti saranno chiamati a individuare una parola che per loro rappresenta il mondo del lavoro (di oggi o di domani) e raccontarla nella modalità che ritengono più adatta: dal racconto alla poesia, dal lemma del vocabolario al video, dal fumetto all’illustrazione ecc. I cinque lavori migliori verranno premiati da Treccani a marzo.

© Riproduzione riservata
Commenti