Commenta

PMI DAY 2019: gli
imprenditori aprono
le porte alle scuole

Gli studenti del Torriani alla INT di Castelverde

Con la Giornata Nazionale delle Piccole e Medie Imprese, denominata ‘PMI DAY Industriamoci’, l’Associazione Industriali della Provincia di Cremona con il suo Comitato Piccola Industria intendono promuovere la conoscenza del tessuto imprenditoriale cremonese e diffondere una positiva cultura d’impresa. PMI DAY 2019 è la giornata in cui gli imprenditori aprono le porte dei loro stabilimenti per parlare agli studenti e agli insegnanti, per “trasmettere la passione che gli imprenditori ed i loro collaboratori mettono tutti i giorni in azienda, mostrando con orgoglio il cuore dell’attività raccontando la propria storia”.

Per l’occasione gli studenti delle sezioni A e B del terzo anno di corso per operatori macchine utensili dell’ Ala Ponzone Cimino, sede associata all’I.I.S. ‘J.Torriani’, hanno avuto la possibilità di visitare l’azienda I.N.T. S.r.l. – Instrumentation New Technologies- di Castelverde, che opera in diversi settori, spaziando dalla costruzione di misuratori di temperatura e di portata, ai sistemi di analisi gas/liquidi, ai sistemi di dosaggio, fino al trattamento acque.

L’appuntamento annuale è “assai atteso dagli studenti, poiché il diretto contatto con l’ambiente lavorativo consente loro di testare le competenze acquisite in materia di tecnolologie impiegate nel mondo della produzione meccanica”, come sottolinenao dall’Istituto. Gli studenti stati agevolati dalla competenza e dalla passione di Roberta e Federico Bittanti, titolari dell’azienda, che, assistiti dal collaboratore Mario Fadigati, hanno preparato un percorso di visita guidato. Ai ragazzi, in sala riunioni, sono state dapprima illustrate la struttura aziendale, la tipologia della produzione, l’organizzazione dei processi mirati al prodotto finito, nonché l’importanza storica della figura del padre, fondatore dell’attività nel 1991.

I ragazzi hanno anche potuto vedere filmati sulle realizzazioni compiute dalla I,N.T s.r.l. in Italia e in varie parti del mondo, dal deserto degli Emirati Arabi alle zone glaciali del nord Europa, in cui i macchinari operano in condizioni climatiche proibitive; tantissime le domande a testimonianza di un reale interesse degli studenti. Infine, si è proceduto alla visita dello stabilimento, resa particolarmente accattivante dall’intervento, in ogni padiglione, di un caporeparto, disponibile a descrivere in dettaglio le principali fasi della specifica lavorazione effettuata. Il percorso è proseguito dal reparto materie prime, munito di un magazzino automatizzato, al reparto di assemblaggio dei misuratori di temperatura, a quello delle lavorazioni meccaniche con macchine utensili a controllo numerico, alla messa a punto dei quadri elettrici; non si è trascurato neppure lo spazio riservato alla progettazione e all’assistenza clienti.

Dalla scuola sottolineano il valore costruttivo dell’esperienza che, mettendo i ragazzi a confronto con operai e tecnici, si rivela particolarmente vantaggiosa, anche in vista dell’immediato futuro dei giovani protagonisti, chiamati ad affrontare, alla fine del corrente anno scolastico, l’esame di qualifica, pista di decollo per l’eventuale ìnserimento lavorativo; ciò non esclude il proseguimento degli studi fino all’esame di stato. I titolari hanno concordato con i docenti accompagnatori Francesco Mancastroppa e Gianfranco Storti ulteriori contatti per poter realizzare periodi di stage, testimoniando in tal modo l’apertura di questa importante realtà produttiva cremonese verso la formazione delle giovani generazioni, nonché verso questa tipologia di profilo professionale.

© Riproduzione riservata
Commenti