6 Commenti

Alcol e droga: per tutta
la settimana controlli
straordinari della stradale

Per tutta la settimana dal 9 al 15 dicembre anche la polizia stradale di Cremona, come in tutta Europa, sarà impegnata sui territori di Cremona, Crema e Casalmaggiore, nella campagna “Alcool and Drugs”, programmata dal network europeo delle polizie stradali “Tispol”, rete di cooperazione tra le polizie stradali nata nel 1996 sotto l’egida dell’Unione Europea alla quale aderiscono tutti i Paesi membri, tranne la Grecia e la Slovacchia, oltre alla Svizzera, la Serbia, la Turchia e la Georgia. L’Italia è rappresentata dal servizio polizia stradale del Ministero dell’Interno. L’obiettivo è quello di sviluppare una cooperazione operativa per ridurre il numero di vittime della strada e degli incidenti stradali, in adesione al Piano d’Azione Europeo 2011-2020, attraverso operazioni internazionali congiunte di contrasto delle violazioni e campagne ‘tematiche’ in tutta Europa all’interno di specifiche aree strategiche. Dunque per tutta la settimana anche la polizia stradale di Cremona, guidata dal comandante Federica Deledda, oltre ai quotidiani servizi, sarà impegnata in specifici controlli durante tutto l’arco della giornata e della notte. Servizi che saranno finalizzati in particolare a contrastare coloro che guidano in stato di ebbrezza o sotto l’effetto di droghe, sia conducenti professionali che tutti i normali utenti della strada.

S.P.

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Mirko

    Ottima cosa, peccato venga vanificato dalle leggi italiane

    • mirko ansaldi

      Lo stesso vale per chi ci frega milioni di euro e si sniffa polverina alla faccia nostra..i piccoli ladri li impiccano sempre i grandi ladroni.Un paese sempre più allo sbando dove le persone per fragilitá si tracannano vino e si stonano con sostanze..quando però si tratta dei loro sbagli la maggior parte sta zitta e quando un poveraccio sbaglia bisogna giustiziarlo all’istante.

      • turbo

        concordo.. sempre facile prendersela coi poveretti… poi chi dovrebbe invece pagare davvero per colpe ben più gravi la fa sempre franca! Tutto il mondo va verso la legalizzazione.. ma invece in Italia no dobbiamo fare il contrario, per difendere la mafia e il suo narcotraffico

    • mirko ansaldi

      Stesso nome visione di vita opposte.

      • Mirko

        Perché dici questo? Concordo con il commento che hai scritto sotto, chi sbaglia paga ma dovrebbe essere in egual misura dal ricco al povero, dall’italiano all extracomunitario

  • Gemelli

    Non sempre è fragilità…ma voler far parte sempre di un gruppo.