Ultim'ora
Commenta

Schiacciato dalla cabina
della gru: muore Carlo
Baruffi, di Ostiano

GAZZUOLO/MARCARIA – Ha cercato di riparare la cabina della gru con ragno della sua azienda, ma qualcosa è andato tragicamente storto: e Carlo Baruffi, 45 anni, è rimasto schiacciato dalla stessa cabina, morendo praticamente sul colpo. A trovarlo è stato il nipote Mattia, che alle 13.30 di lunedì è andato nell’azienda della famiglia (che si occupa di raccolta di materiali ferrosi) nell’area artigianale di Gazzuolo, dato che lo stesso Carlo non rispondeva al telefono da oltre un’ora. Sul posto sono giunti i Vigili del Fuoco, i carabinieri di Gazzuolo e Viadana e i tecnici dell’ATS Valpadana, che hanno ricostruito la dinamica. Con loro anche Croce Verde di Viadana e automedica dell’ospedale Oglio Po, intervenute per prime ma senza poter fare nulla per salvare l’uomo, che giaceva inerme.

Baruffi, originario di Canicossa, frazione di Marcaria, risiedeva a Ostiano da tre mesi. Sul posto, oltre ai famigliari, con i genitori, il fratello, la sorella e la moglie del 45enne, anche il sindaco di Gazzuolo Loris Contesini. L’uomo, molto conosciuto così come l’intera sua famiglia sia a Gazzuolo sia a Marcaria, era solo al momento dell’incidente: come detto, l’ipotesi più probabile è che lo stesso provasse a riparare il tubo di sollevamento della cabina, che pare perdesse olio. Poi lo schiacciamento, purtroppo fatale.

redazione@oglioponews.it

© Riproduzione riservata
Commenti