11 Commenti

Termovalorizzatore, minoranza
FI: 'A2A agisce come azienda,
posizione del sindaco irrilevante'

I consiglieri comunali di Forza Italia prendono posizione in merito alla proposta di Lgh (al 51% proprietà di A2A) di potenziare il termovalorizzatore di San Rocco per rendere idonea la Linea 1 a trattare i fanghi da depurazione civile (leggi qui: Fanghi all’inceneritore, A2A: ‘Possibilità già prevista’ Comune: ‘Stiamo valutando’)

“A2A, proprietaria del termovalorizzatore di Cremona – scrivono i consiglieri forzisti –  ha deciso di incenerire i fanghi civili di depurazione all’interno dell’impianto. Avendo comprato l’impianto dalla Giunta Galimberti, impianto dotato di adeguata capacità residua di trattamento, investirà a breve diversi milioni di euro per effettuare questa attività. Questo fatto, totalmente prevedibile data la natura industriale di A2A, allontana definitivamente la fantasiosa narrazione dello spegnimento dell’impianto, ripetuta tanto ossessivamente quanto superficialmente dal Sindaco Galimberti dal 2014 fino da oggi.
Una penosa farsa che ha visto oggi nella grottesca ed imbarazzata nota emessa in fretta e furia a seguito della pubblicazione della notizia, un nuovo atto che dimostra la totale irrilevanza del Sindaco Galimberti nei processi più significativi riguardanti la città ed il suo territorio.

“Sarebbe ulteriormente umiliante per la città che l’Amministrazione di sinistra, ormai con le spalle al muro, tentasse di far passare come grande successo l’ottenimento di qualche intervento “mitigatorio” buono solo per addomesticare la componente più ambientalista dalla sua frastagliata maggioranza. A noi, qualche metro di pista ciclabile e un po’ di verde non può bastare alla luce dello stato di sofferenza ambientale che attanaglia la città e i suoi Abitanti.

“Chiediamo invece – concludono i consiglieri –  che l’Amministrazione locale, recuperando la dignità necessaria, avvii un confronto serio e responsabile coinvolgendo tutte le forze politiche, sociali ed economiche della Città oltre alla stessa A2A, finalizzato ad individuare, su base scientifica, azioni concrete riguardanti l’intero sistema energetico cittadino con l’obiettivo prioritario di migliorare la qualità ambientale del nostro territorio”.

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti
  • Shpalman97

    Se c’era (e c’è) un partito favorevole a un gestore privato e alla perdita di controllo da parte del pubblico era (ed è) proprio Forza Italia. Tanto che quando fece “opposizione” (scappa un po’ da ridere nel scriverlo) alla vendita ad A2A si sentì in dovere di sottolinearlo. A loro non andava bene A2A perché non era più la roccaforte formigoniana di quando fu (disastrosamente) creata.
    Mettere in mano ai privati a discapito del controllo pubblico è sempre stata la loro politica.

    • Sbirulino19

      Cioè quindi aver venduto AEM ad A2A è colpa/merito di Formigoni o Forza Italia? Ma per favore, non farci ridire tu a crepapelle…

      • Shpalman97

        Infatti non ho scritto questo. Che la vendita sia stata approvata dalla giunta Galimberti è un fatto assodato. Esattamente come quello che ho scritto nel commento sopra.

        • Sbirulino19

          Si, il tuo è fare fumo per nascondere l’evidenza, un classico di sinistra molto ben conosciuto, per questo non funziona più.

          • Shpalman97

            Criticare le dichiarazioni di Forza Italia non significa assolvere la giunta Galimberti e nemmeno nasconderne le pesanti responsabilità.
            La storia di A2A non assolve nessuno, tantomeno PD, FI, Lega ed i loro alleati.
            Se la cava un po’ meglio giusto il M5S, semplicemente perché in Lombardia non ha mai contato un granché.

          • Sbirulino19

            Torniamo al punto di partenza senza fare ancora fumo: chi ha venduto aem e ora non ha più potere decisionale sull’inceneritore che aveva promesso di chiudere? Tutto il resto è inutile.
            A proposito di domande…Ma esiste ancora il M5S?

          • Andrea

            Abiff e Sbirulino non sono onesti intellettualmente. Hai ragione Shpalman, io capisco cosa stai dicendo, ma loro possono solo capire gli insulti al sindaco. Loro il centro destra non lo toccano nemmeno se li bombarda. Continuo a ripetere che qua è tutta politica da stadio, vince chi urla di piu e la mia fazione non sbaglia mai. A me francamente fa pena.

        • Abiff

          Appunto.

  • Mirko

    Grazie mille per il futuro che ci state regalando

  • ciclo-pe

    Sull’area ex AEM l’attuale proprietà ha deciso di fare business costi quel che costi in termini ambientali. In una delle aree più inquinate d’Europa sono operativi due obsoleti termovalorizzatori che bruciano 75000 tonnellate di rifiuti solidi urbani (oggetto anche di un esposto alla Procura della Repubblica per la poca trasparenza dei dati ufficiali), un impianto che brucia biomasse legnose di recupero di cui poco si conosce in termini quantitativi ma che probabilmente riceve materiali da ogni dove, e ora, forse per prolungare la vita del contestato termovalorizzatore, si vuole realizzare un nuovo impianto di incenerimento dei fanghi da depurazione civile. Per non dimenticare la nuvola nera dei fumi scaturiti dall’incendio di materiali (quali?) alla piattaforma di via San Rocco. Il sindaco, massima autorità sanitaria locale, se avesse a cuore la salute dei suoi cittadini già molto compromessa dalla situazione generale dell’inquinamento da PM 10, 2.5, biossido di azoto e Ozono, dovrebbe dire no, qui non si fa!

    • Abiff

      Ha detto “se” (cit).