Un commento

Due nuovi ufficiali al
Comando Provinciale
dei Carabinieri

Da sinistra: S.Ten Camillo Calì, Ten Col. Marco Piccoli e S.Ten. Davide Cossetto

Sono due gli Ufficiali destinati al Comando Provinciale Carabinieri di Cremona che hanno partecipato al 3° corso interno per Ufficiali, svoltosi presso la Scuola Ufficiali di Roma nei mesi di novembre e dicembre 2019. Tra i 159 militari sul territorio nazionale che da luogotenenti Carica Speciale sono transitati al ruolo Ufficiale con il grado di Sottotenente in due sono giunti presso il Comando Provinciale Carabinieri di Cremona e, dopo aver prestato il Giuramento nelle mani del Generale di Brigata Antonio De Vita, comandante dalle Legione Carabinieri Lombardia, sono stati destinati e sono già operativi presso il Reparto assegnato. Si tratta del Sottotenente Davide Cossetto e del Sottotenente Camillo Calì.

Il Sottotenente Cossetto, nato a Torino, laureato in giurisprudenza, arruolato nell’Arma nel 1986, prestava già servizio al Nucleo Informativo del Comando Provinciale di Cremona dove lavora in qualità di Comandante dal 2015, passando per la Stazione di Vescovato come vicecomandante, per il Nucleo Operativo della Compagnia di Casalmaggiore e il Nucleo Investigativo del Reparto Operativo incentrando il suo servizio sulla Polizia Giudiziaria, con esperienze all’estero nel 2011 in Kosovo quale Comandante di Squadra e Istruttore della Kosovo Police. Per lui una conferma nell’incarico, vista la sua grande esperienza sul territorio cremonese, rimarrà al comando del Nucleo Informativo del Reparto Operativo di Cremona.

Tra le varie benemerenze, di cui è insignito il S. Tenente Cossetto, va ricordata quella di Ufficiale O.M.R.I conferitagli dal Presidente della Repubblica il 27 dicembre 2017, medaglia di Protezione Civile in occasione del terremoto che ha colpito l’Abruzzo nel 2009, per l’attività di volontariato ha ricevuto nr.4 medaglie di Croce Rossa, nr.01 medaglia Croce Rossa San Marino, nr.01 medaglia del Sovrano Militare Ordine di Malta, nr.01 medaglia del Sacro Militare Ordine Costantiniano di San Gregorio.
Ha inoltre frequentato:
• “VII corso Regionale sul “Diritto Internazionale Umanitario dei conflitti armati e Diritto dei rifugiati”, C.R.I. Emilia Romagna presso il Comitato locale di Cesena, anno 2005;
• Corso di Perfezionamento ed Aggiornamento Professionale in “Gestione degli Interventi nelle Crisi internazionali, dalla Diplomazia Umanitaria alla Cooperazione Internazionale – Terza Edizione” Associazione Italiana degli Operatori di Pace Nazioni Unite, anno 2008;
• “Corso addetto Tecniche Investigative” presso l’Istituto Superiore di Tecniche Investigative di Velletri (RM), anno 2012;
• “Master in Sicurezza e Intelligence”, Università Internazionale Scienze Sociali di Mantova, anno 2014;
• “3° corso straordinario Antiterrorismo” presso l’Istituto Superiore di Tecniche Investigative di Velletri (RM), anno 2016.

Il Sottotenente Calì, nato a Palermo, laureato in Scienze dell’Amministrazione, ricoprirà invece l’incarico di comandante del nucleo operativo radiomobile della Compagnia di Cremona, guidata dal maggiore Rocco Papaleo. Calì si è arruolato nell’Arma dei Carabinieri nell’anno 1985 ed è stato da sempre in servizio in Provincia di Piacenza ricoprendo diversi ruoli nei Reparti Territoriali come presso il Comando di Stazione di Monticelli d’Ongina (PC) con l’incarico di vicecomandante, al Nucleo Operativo del Comando Provinciale di Piacenza come addetto alle indagini di Polizia Giudiziaria, Comandante della Stazione CC di Monticelli d’Ongina; Comandante del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia CC di Fiorenzuola d’Arda, dal 2015 presso il Nucleo Investigativo CC di Piacenza, ove nell’ultimo anno ha assunto anche il Comando. Dal 1993 sino al 1999 ha prestato servizio in Sicilia presso il Raggruppamento Operativo Speciale – Sezione Anticrimine di Caltanissetta e successivamente a quella di Palermo.

Si è distinto per importanti attività di Polizia Giudiziaria finalizzate alla lotta contro la criminalità organizzata Cosa Nostra in Sicilia ed al Nord Italia ’Ndrangheta fornendo un’importante contributo alle operazioni “Grande Drago” ed “Aemilia”, dirette dalle Direzioni Distrettuali Antimafia di Bologna e Brescia, per il quale ha ricevuto l’Encomio Solenne del Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri. Inoltre a partecipato e diretto diverse operazioni nella lotta al contrasto del narco traffico, delle rapine in danni di istituti di credito e portavalori, ricevendo encomi ed elogi per le brillanti attività investigative portate a termine. Al termine del corso formativo per Ufficiali dei Carabinieri ha assunto il Comando della Sezione Operativa della Compagnia Carabinieri di Cremona nonché l’incarico di Comandante in Sede Vacante del Nucleo Operativo e Radiomobile della stessa Compagnia. Tra le varie benemerenze di cui è insignito il S. Tenente Calì ricordiamo quella di Cavaliere O.M.R.I conferitagli dal Presidente della Repubblica il 02 giugno 2007 ed alla medaglia conferitagli dal Ministro degli Interni per l’opera e l’impegno profuso in occasione dell’emergenze alluvione che ha colpito il nord Italia nei mesi di settembre, ottobre e novembre dell’anno 2000.

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Claudio Cornacchia

    Servono carabinieri non comandanti.