11 Commenti

Parcheggio o area verde?
Fasani: 'Su area di via Giordano
amministrazione si contraddice'

L'area circondata di verde è quella prevista due anni fa per il parcheggio di via Giordano

Area su cui mantenere il verde, o da asfaltare per farla diventare parcheggio? Il dubbio è venuto al consigliere comunale Federico Fasani, che confrontando le aree individuate dal Comune per il potenziamento del verde urbano, quindi da non cementificare, e il progetto di fattibilità del parcheggio di via Giordano / via Lungastretta, ha notato questa incongruenza. Era l’estate del 2017 e l’assessore alla partita era Alessia Manfredini. Si parlava delle alternative a via Giordano e dello stralcio della strada sud dal Pgt. Ai residenti del quartiere venne prospettata la realizzazione di un parcheggio gratuito da circa 240 posti in fondo a via Lungastretta, a ridosso delle abitazioni di via Giordano, una  zona ad alta domanda e vicina al centro storico, parcheggio che fosse a disposizione dei residenti, delle attività commerciali e dei city user. Non si andò mai oltre lo studio di fattibilità e l’area è ancora lì. Ora, nella pianificazione che la nuova amministrazione  sta progettando, quella stessa area risulta tra quelle che dovranno essere conservate nello status quo o se possibile implementate a verde.

“Se la considerano area intoccabile, allora il parcheggio non si farà?”, chiede Fasani, che proprio pochi giorni fa ha presentato insieme al gruppo di Forza Italia in Comune, una proposta per una cintura green tutto attorno a Cremona. “Mi sembra una bella incongruenza dopo tutto quello che hanno raccontato. E pensare che avevano anche fatto una variante puntuale apposta per fare quel parcheggio, promesso agli abitanti di via Giordano”. “Ho sempre ritenuto che un parcheggio fosse opportuno in quella zona, a servizio del parco che sarebbe dovuto rimanere tra le case di via Giordano e la strada sud, ma non delle dimensioni prospettate dall’amministrazione comunale. Una ventina di posti, non 240 con conseguente distruzione di un bosco. Noto che adesso l’amministrazione contraddice se stessa, peraltro attraverso una mappatura del verde, che altro non è che un semplice riconoscimento dello stato di fatto”.

Risale al 2017 lo studio di fattibilità del Comune per la realizzazione di un parcheggio da 240 posti in questa stessa area.

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti
  • Sbirulino19

    Ormai l’amministrazione di Cremona sta facendo peggio dei grillini, un giorno dice una cosa poi cambia idea e il giorno dopo ne fa un altra. Un giorno c’è un volantino poi dice che è stupido e lo ritira. Prima dice che chiude l’inceneritore poi non lo fa e anzi viene potenziato.Ci stupiamo ancora per questo parcheggio-oasi ecologica?

  • Braccioforte

    Direi che non ci sono dubbi sulla non realizzazione del parcheggio, la previsione non compare nel piano triennale delle opere pubbliche. Anche questa opera, proposta ai residenti di via Giordano come alternativa alla strada sud, è stata dimenticata, esattamente come la riqualificazione della via, il cui progetto doveva esser terminato nel 2018. Rimangono confermati inquinamento traffico e rumore. I residenti ringraziano.

  • Roberto Regonelli

    Ho abitato 40 anni in via Giordano ed ho sempre immaginato e sognato che si realizzasse una strada sud, che aggirasse la città con tutto il traffico che già negli anni ’70, noi ragazzi dell’Oratorio di S. Pietro, monitoravamo il numero degli automezzi che transitavano, contandole visivamente. Immaginavo una carreggiata più ristretta, fiancheggiata da alberi, una strada più a misura delle persone. Ma cosa è stato fatto da allora? Nulla, e mi sono sempre chiesto quali fossero gli
    interessi che ostacolavano quell’opera, utile e preziosa.Cosa c’è dietro!

    • Abiff

      Ci sono quelli che alla Strada Sud preferirebbero un buco in testa.

      • rebelot

        Strada sud è INDISPENSABILE!!! Quelli che non lo capiscono il buco in testa lo hanno già.

        • Abiff

          …e non hanno nulla in contrario, invece, alla Gronda Nord.

          • rebelot

            ..che non serve a nulla…

  • Mirko

    Galimberti top….e tutti quelli che lo hanno votato

  • Roberto Regonelli

    Come diceva Sbirulino, il contraddirsi di continuo sulle iniziative da prendere, denota l’assenza di idee, di programmazione, di studio= incapacità totale!

  • Seppe Marin

    Cosa avete da lagnarvi, con tutti i centri commerciali e i venditori di carne cotta che sono stati aperti a Cremona, asfaltare si deve asfaltare, parcheggi e meno boschi…Boschi, 4 piante in croce la pianura padana è un deserto 🧐 Se volete il verde compratevene una latta al briccone.

  • michele de crecchio

    Purtroppo temo che anche questo “piano del verde” sarà l’ennesima iniziativa retorica e confusa di una amministrazione che non sa proprio come efficacemente gestire il proprio territorio. Spero di sbagliarmi, ma da questo “assaggio” non riesco proprio a formulare altro che previsioni negative. Mentre ci si diletta con queste divagazioni, il servizio verde è abbandonato a sé stesso, con sempre meno personale qualificato e risorse modestissime, tanto che si è deciso di “scaricarlo” all’Aem (operazione sulla quale il beneficio economico è tutto da dimostrare) e di cedere alla speculazione edilizia la sua sede operativa. Da troppi anni è, in particolare, evidente la necessità di integrarne la direzione con un agronomo qualificato.