4 Commenti

Coronavirus, Salini (Fi): 'Subito
task force economica. Ferma la
Lombardia, fermo il Paese'

«E’ necessario mettere a punto subito un piano industriale di emergenza puntuale ed efficace, che affianchi il piano sanitario di emergenza in corso, sostenga lo sforzo imponente del personale sanitario e le difficoltà crescenti che saranno chiamati a sostenere nei prossimi giorni famiglie ed imprese, a cominciare da quelle interessate dalla quarantena». E’ quanto dichiara l’eurodeputato e coordinatore di Forza Italia in Lombardia Massimiliano Salini, membro della Commissione Industria del Parlamento Europeo.

«L’isolamento di intere aree del territorio, la chiusura delle scuole – prosegue Salini – i potenziali ulteriori stop ad attività commerciali e produttive, la diminuzione della circolazione, sono destinati ad impattare pesantemente sulla vita delle persone e sull’intero processo economico, a cominciare dalle piccole e medie imprese, dalle aziende strategiche, dalla logistica e dal commercio nella realtà lombarda, la cui vitalità è un pilastro del sistema Italia e della sua capacità di reagire al virus. Se si fermano il Nord e la Lombardia, si ferma il Paese – avverte Salini – per questo lancio un appello bipartisan al governo e a tutte le forze politiche, affinché sostengano lo sforzo massiccio dei sanitari e della protezione civile, mettendosi a disposizione per costituire una task force economica di emergenza che includa istituzioni locali e nazionali, rappresentanti di imprese e lavoratori, operi con continuità e segnali da subito le criticità, formulando rapidamente proposte utili per fronteggiare al meglio l’epidemia anche sotto il profilo industriale».

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Roberto Regonelli

    Questa è una buona iniziativa, affinché si dia continuità, al tessuto economico del territorio interessato direttamente dal contagio, ma anche al resto del territorio della Regione!

  • Roberto Regonelli

    In questo particolare momento del
    ns. paese è bene che le forze politiche dimostrino il meglio delle loro capacità in unità d’intenti, lasciando dietro le spalle le rivalità ed i conflitti. Ora devono mostrare le “palle”. Si devono assumere gravose responsabilità e scelte importanti.Questo momento così drammatico, nel quale nessuno ha certezze o la formula magica

    • Jeppetto

      Concordo, vediamo se in questo caso ” l’Italia ” ce la fa a superare le pagliacciate della politica e a concludere qualcosa di buono, almeno una volta!

      • Roberto Regonelli

        Spero e mi auguro che questo evento che in questo caso coinvolge tutto
        il paese, non come un terremoto che interessa zone per fortuna e sino ad ora, lontane da noi,possa avvicinare le persone, possa in qualche

        modo farci riflettere, e risvegliare la solidarietà, fra la gente, spesso
        egoista, arida e superficiale. In questo frangente non esiste più il ricco
        e il povero, il furbo e lo sprovveduto, per superare questa prova siamo
        tutti uguali!