Cronaca
Commenta3

A Cremona stop ai Gratta e vinci e alle slot anche in bar e tabaccherie

Stop a Gratta e vinci e slot anche nei bar e nelle tabaccherie. E’ questa la decisione assunta dall’Amministrazione di Cremona, come annunciato dal sindaco Gianluca Galimberti che, a riguardo, ha firmato un’ordinanza: “Il Governo aveva già sospeso l’attività di sale gioco, sale scommesse e bingo su tutto il territorio nazionale, ma nelle attività miste (bar e tabaccai per esempio) alcuni si recavano ancora per comprare il Gratta e vinci o giocare alle macchinette. Da oggi non possono più farlo: il gioco non è un motivo di prima necessità, oltre comunque ad essere pericoloso se patologico”.

“Ho firmato un’ordinanza – ha aggiunto Galimberti – che impone a bar e tabaccai di svolgere esclusivamente le attività consentite dal decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri e di sospendere immediatamente tutte le tipologie di gioco che prevedono vincite in denaro, come slot, Gratta e vinci, 10 e Lotto”.

Il mancato rispetto di quanto previsto dall’ordinanza, salvo che il fatto non costituisca reato più grave, è punito ai sensi dell’art. 60 del Codice Penale (Inosservanza provvedimenti dell’Autorità). Gli agenti della Polizia Locale e tutte le Forze di Polizia sono incaricati di sovergliare l’applicazione di tale provvedimento. Come chiarito nell’ordinanza, nelle disposizioni del D.P.C.M. dell’11 marzo non è prevista in alcun modo la possiblità di consentire le attività di gioco lecito.

Inoltre l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, con direttiva inviata del 12 marzo e indirizzata a tutti i concessionari del gioco pubblico, alle rivendite di generi di monopolio (tabaccai), chiede il blocco delle slot machines e agli esercenti la disattivazione di monitor e telvisori per impedire la permanenza degli avventori all’interno dei locali per l’attività di gioco.

“Sulla base di tali direttive – si legge in una nota del Comune -, considerato l’evolversi della situazione epidemiologica, il carattere particolarmente diffusivo dell’epidemia in corso, è stata valutata la necessità di emenare questa ordinanza per contribuire alla più generale misura del diradamento dei contatti sociali in modo da contrastare al meglio la diffusione del virus”.

© Riproduzione riservata
Commenti