14 Commenti

Sentenza SM, Forza Italia:
'Comportamenti gravissimi
e disfatta del Comune'

Dopo la sentenza del Consiglio di Stato che ha visto accogliere la richiesta di Sport Management dopo la revoca della concessione da parte del Comune di Cremona, i consiglieri di Forza Italia Carlo Malvezzi, Federico Fasani e Saverio Simi hanno commentato duramente l’operato dell’Amministrazione guidata dal sindaco Gianluca Galimberti. “Eravamo già certi – si legge in una nota – dell’impreparazione, della superficialità e dell’auterefenzialità delle Giunte Galimberti ogniqualvolta si tratti di affrontare temi un po’ più complessi della concessione dei patrocini (nonostante siano riusciti a far pasticci anche lì). Nella questione Sport Management si sono superati”.

La sentenza del Consiglio di Stato, che per gli azzurri “sancisce definitivamente la disfatta del Comune di Cremona nel contenzioso per la gestione della piscina”, mette “in rilievo un altro inquietante particolare”: “A pagina 25 della sentenza si dice testualmente: ‘In tale situazione l’esercizio del diritto potestativo di scioglimento unilaterale del contratto e prima ancora la condotta dell’amministrazione di diniego al ricorso all’arbitraggio, nonché di intensificazione dei controlli e di concentrazione delle contestazioni in un ristrettissimo arco temporale, appaiono non conformi al principio di buona fede e, correlativamente, espressione di abuso del diritto, nei rapporti inter privati, e di sproporzione dell’attività amministrativa in relazione all’interesse pubblico sotteso alla concessione del servizio'”.

Per Forza Italia “siamo in presenza di gravi omissioni del Comune di Cremona in ordine alla consegna dei documenti tecnici, alla mancata realizzazione dei lavori di manutenzione straordinaria di propria competenza e all’errata modalità di rilievo e contabilizzazione delle contestazioni evidenziate dai giudici amministrativi, fatti che denotano una gestione pasticciata e dilettantesca dell’intera vicenda”. Non solo: malgrado la sentenza “ponga l’accento su diverse inadempienze da parte di Sport Management, il contratto sottoscritto dalla Giunta Galimberti non ha consentito di tutelare i diritti dei cittadini cremonesi”.

La sentenza per i consiglieri azzurri “si spinge oltre, e condanna senza appello l’atteggiamento tenuto dell’amministrazione, sottolineando la mancanza del rispetto del ‘principio di buona fede’ e parlando di ‘abuso del diritto’”. “Comportamenti gravissimi – commentano – soprattutto se riferiti ad un soggetto istituzionalmente preposto al perseguimento e alla cura di pubblici interessi, e che aprono alla possibile richiesta di danni che i titolari di Sport Management hanno già annunciato”.

Malvezzi, Fasani e Simi poi sottolineano: “E’ utile ricordare che tutta la minoranza aveva messo in guardia l’amministrazione comunale sull’intera operazione, che sin dall’inizio presentava incognite e rischi. L’ha fatto alla luce del sole, presentando proposte e documenti sempre respinti dalla maggioranza, sorda e impermeabile anche agli appelli provenienti dalle realtà sportive cremonesi. La Giunta Galimberti ha proceduto ad affidare a Sport Management la gestione della piscina per 25 anni, difendendo strenuamente la bontà della scelta, salvo disporre il recesso dallo stesso contratto a distanza di un anno e mezzo dalla sottoscrizione, esattamente alla vigilia della campagna elettorale per il rinnovo del governo cittadino, sotto la spinta del malcontento”.

Un atteggiamento c”ontraddittorio e spregiudicato, mantenuto anche di fronte alla richiesta di istituzione di una commissione d’inchiesta sull’argomento presentata sempre dalla minoranza e puntualmente bocciata dal centrosinistra”. “In questi mesi drammatici – concludono da Forza Italina – per nostra la città e per l’Italia intera abbiamo tenuto e continueremo a tenere un profilo collaborativo con l’amministrazione allo scopo di rispondere nel migliore dei modi ai tanti bisogni della nostra gente e per rispetto al dolore di tanti. Ma la gravità dei fatti emersi non ci consente di tacere”.

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti
  • Lallero

    Con piacere posso constatare una cosa: per alcuni i veri problemi sono questi e non quelli legati all’emergenza sanitaria ed economica! Magari sarebbe il caso di mettere da parte certi litigi da asilo Mariuccia e concentrarsi su problemi più seri e concreti. Queste polemiche ora come ora non aiuteranno le riaperture né riempiranno il piatto a nessuno.

    • Sbirulino19

      Se faranno pagare i danni al comune di Cremona mi sembra che il problema interessi tutti.

      • Jeppetto

        Interessa le tasche di tutti! 🙁

  • Marengon

    Concordo. Soprattutto perché, come sempre, a pagare saranno gli utenti della piscina e i contribuenti, non certamente i partiti dell’una e dell’altra parte…

    • Jeppetto

      Vero, purtroppo!

  • Dott. Landi Roberto

    L’emergenza sanitaria è una cosa, le disastrosa gestione della piscina comunale un’altra. Come giustamente osservato dagli stessi consiglieri di minoranza, disposti a collaborare in questo frangente in nome del supremo interesse comune con una Giunta – che in realtà finora non ha mai accettato consigli da nessuno – ma non a tacere sul vicende vergognose come questa. E’ auspicabile che il Professore ed i suoi alleati non usino la prima (l’emergenza intendo) ad aeternum per coprire la propria conclamata inettitudine nell’amministrare la città anche in tempi normali. Personalmente ne dubito, vista la persona ed i partiti che l’appoggiano.

  • Andrea Garini

    La questione piscina riesuma e infiamma sempre. Le FONDAMENTALI problematiche di Cremona e della galassia intera mi mancavano davvero

    • Sbirulino19

      Se avesse vinto la causa il Comune avresti scritto le stesse cose? Dubito…
      E Lapo Pasquetti dov’è, quello che si era messo a fare il ganassa anche con me?

  • Ernesto

    Ma quanti bla,bla,bla inutili da finti saccenti ..Sempre professori in tuttologia…Povere le vostre vite così vuote da dover sempre riempirvi la bocca su tutto.Tacete,non è obbligatorio parlare sempre pur di parlare senza accorgersi delle figure che si fanno.

    • Tuono

      “Tola su dolsa”.

  • Tuono

    Eeee bruciano queste figuracce. E poi questa parte politica vorrebbe governare la Lombardia? Tra..lallero trallala.

    • Ernesto

      Merita di governarla chi ha privatizzato la sanità e ha lasciato morire tutte le persone che sono morte.Vergogna

  • Ernesto

    A, bi ,bo…chi sta sotto non lo so anzi forse lo saprò ,facile : tuono,jeppetto o sbirulino…non è difficile scommettere.Avete giurato fedelta a forza Italia a costo di cantarvela solo in tre : le persone intelligenti scappano quando leggono i vostri soliti e unici commenti.Queste 3 parole in dialetto sono speculari della ricchezza che hai nel cervello.Tornate a darvi la manina e a raccontarvi barzellette degne di Cremona oggi,ma sempre e solo 4 quattro!!!

    • Sbirulino19

      Come dice il detto? Ernesto, prima la faccio e poi la pesto….