Cronaca
Commenta8

Sport Management continuerà a gestire le piscine comunali: decisione del Consiglio di Stato

Le piscine comunali continueranno ad essere gestite da Sport Management. Questa la decisione del Consiglio di Stato dopo l’udienza del 21 aprile che in tempi di coronavirus si è svolta via Skype. Una vicenda, quella tra il Comune e la società veronese che è durata mesi con continui colpi di scena e, sul campo legale, ricorsi al Tar di Brescia, che aveva, tra l’altro, dato ragione al Comune . La piscina era stata anche chiusa per continue segnalazioni arrivate dall’utenza. Ma la società veronese non si è mai arresa e alla fine si è giunti all’ultimo step legale, con il ricorso proprio al Consiglio di Stato. Il contenzioso è iniziato nel giugno del 2019. Il rapporto tra Comune e Sport Management, dunque, proseguirà fino al 2042, data in cui scadrà la concessione. Senza nessun altro colpo di scena.

In una nota, il Comune ha fatto sapere di prendere atto della sentenza del Consiglio di Stato, ricordando che “la precedente sentenza del Tribunale Amministrativo Regionale di Brescia era invece di senso contrario”. “In sintesi”, si legge nella nota, “il Consiglio di Stato non mette in discussione i reiterati inadempimenti perpetrati dal concessionario, ma ha considerato gli stessi di gravità non tale da giustificare l’interruzione del rapporto contrattuale, a differenza di quanto invece sancito dal giudice di primo grado. A tale proposito si cita testualmente quanto riportato nella sentenza al punto 5.4
‘Allo stato, perciò, i pur significativi inadempimenti della concessionaria (tali cioè che, se ripetuti in futuro con analoga frequenza, potrebbero effettivamente condurre alla risoluzione del contratto), così come accertati e contestati nel procedimento e nel provvedimento impugnato, non assurgono al livello di gravità richiesto dalla prima parte della riportata clausola dell’art. 15 della convenzione, né sono idonei al corretto utilizzo della clausola risolutiva espressa come congegnata nella seconda parte'”.

Silvia Galli

© Riproduzione riservata
Commenti