6 Commenti

Caso tamponi, interrogazione
di Degli Angeli: 'Pessima figura,
vogliamo risposte chiare'

Un’interrogazione con risposta scritta al presidente de Consiglio Regionale Alessandro Fermi a firma del consigliere regionale del Movimento 5 stelle Marco Degli Angeli che esprime dubbi sui tamponi eseguiti rispetto ai casi sospetti segnalati. “E’ l’ennesima richiesta di informazioni – spiega Degli Angeli -, che spero possa fornire risposte chiare in merito alla faccenda e al dubbioso operato di un sistema sanitario che, anziché tutelare gli interessi dei cittadini, sembra tutelare i propri interessi economici”.

L’interrogazione dell’espontente dei 5 stelle nasce dal report divulgato dal Fatto Quotidiano e riportato anche su CremonaOggi circa il basso numero di tamponi effettuati in Regione. In ATS Val Padana 145 su su 749 dal 4 al 17 maggio, addirittura 2 su 229 richieste tra il 18 e il 22 maggio. Un numero estremamente ridotto, che però la stessa ATS ha poi smentito con una nota ufficiale in cui afferma che “dall’8 maggio 2020 (giorno seguente all’entrata in vigore della DGR) al 22 maggio, i medici del territorio hanno notificato – tramite portale predisposto – alla nostra ATS 365 nuovi casi sospetti a fronte dei quali ATS ha già eseguito 354 tamponi”, ma anche che “ATS svolge mediamente, su tutto il territorio, tra i 1.000 e i 1.500 tamponi settimanali per il controllo delle guarigioni e per i soggetti che devono rientrare al lavoro” (qui l’articolo completo).

Numeri che divergono fortemente tra loro e su cui Degli Angeli vuole vedere chiaro: “Non bastavano le ormai note contraddizioni dell’assessore Gallera. Ora ci si mettono anche i numeri (del report, ndr), che se confermati costituirebbero l’ennesimo buco nell’acqua compiuto da regione Lombardia”. In merito alla questione casi Covid sospetti e i troppo pochi tamponi eseguiti, il consigliere pentastellato ha concluso: “L’ennesima pessima figura, è inammissibile soprattutto considerando che i tamponi e i test sono lo strumento diagnostico migliore non solo per tracciare un’empirica mappa del virus, ma soprattutto per prevenire in modo tempestivo una nuova diffusione del virus”.

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Joker

    Un interrogazione basata su un articolo di un giornale che ormai è diventato il quotidiano di partito dei grillini. Un inutile spreco di carta.

  • YX

    Ok, ma poi devi anche suggerire ai tuoi amici di Milano che forse è arrivata l’ora di fare qualche tampone in più e qualche sierologico in più…
    Devono cacciare fuori i soldi, assumere gente preparata e non i soliti burocrati che ci sono negli uffici ATS, serve gente in grado di fare analisi e magari anche inviare i risultati… dato che se fai il tampone non ti danno neanche il risultato!!!! Perché in questi settimane per i risultati devi telefonare tu…

  • Lorenzo

    Ma parlate dell’assessore che dice che per contagiarti con rt 0,50 devi incontrare due malati contemporaneamente?? ……

  • You

    Un amico ha avuto febbre per una settimana, tosse per un mese. Dopo 3 settimane chiuso in casa perché “potrebbe essere Covid”, prendendo medicine mai sentite nominare in vita sua e senza neppure una visita medica o un saturometro a disposizione, gli hanno fatto una TAC risultata negativa alla polmonite ed hanno deciso che non era Covid. Tre settimane prigioniero in casa prendendo medicinali potentissimi perché “si sa mai” e poi a piede libero dall’oggi al domani senza uno straccio di tampone! Eppure a quanto pare la maggior parte dei malati non sviluppa la polmonite e non si sente soffocare! Io sono indignata!

  • Hulk Il Giusto

    Continua l’attacco politico alla regione “nemica”!

    • YX

      Qui non ci sono “nemici” o amici… qui serve gente che faccia il suo lavoro… cacciare fuori i soldi per fare sierologici e tamponi a tappeto..
      Assumere medici e infermieri e apire unità che si dedichino solo al Covid…
      Prevenire è meglio che curare.
      La nostra regione lo fa?