Commenta

Alle fasi finali il cantiere di
Padania Acque nel centro
di San Latino, a Castelleone

Terminerà nella seconda metà di giugno il cantiere di Padania Acque, aperto circa tre settimane fa, nel centro di San Latino, frazione del comune di Castelleone. Si tratta di lavori programmati e che hanno come obiettivo la risoluzione di scarichi indepurati in quell’area.
“Si tratta di un lavoro importantissimo e che andava assolutamente fatto – spiega il sindaco di Castelleone, Pietro Fiori – Terminati i lavori alla rete fognaria di Padania Acque, procederemo con la riasfaltatura di tutta la zona: un intervento che migliorerà la sicurezza e la viabilità di San Latino”. Il cantiere in questione si trova a ridosso dell’ingresso della nota Trattoria “Gigi e Anna”.

Comprendendo il disagio che questa opera può arrecare all’attività di ristorazione in questione, soprattutto in questo particolare periodo storico che ha costretto al lockdown tutte le attività commerciali e ristorative per un lungo arco di tempo, la società che gestisce il servizio idrico integrato nella provincia di Cremona si è attivata per ricavare parcheggi e passaggi pedonali per permettere ai clienti di accedere al locale. Per coloro che intendono raggiungere la trattoria passando dal comune di Gombito, proprio in prossimità del cantiere, è stato realizzato un piccolo parcheggio riservato ai clienti. Per chi invece giunge dal comune di Castelleone è possibile parcheggiare la propria vettura lungo la provinciale SP 22, temporaneamente chiusa a causa dei lavori fognari in corso. Qui è stato allestito un percorso pedonale che guida l’avventore sino all’ingresso del ristorante.

Ricordiamo, quindi, a tutti i cittadini che la Trattoria “Gigi e Anna” è aperta e pronta ad accogliere, con la squisita ospitalità che contraddistingue i gestori, tutti coloro che ambiscono ad assaporare piatti nostrani e genuini. “La trattoria “Gigi e Anna” sono una istituzione nella nostra zona – continua il sindaco Fiori – Ringrazio gli amministratori di Padania Acque per essersi personalmente interessati alla frazione di San Latino, una attenzione non scontata considerando il fatto che sono amministratori di una società pubblica che deve gestire ben 113 comuni in provincia di Cremona”.

© Riproduzione riservata
Commenti