6 Commenti

Giostre, bancarelle e fiera:
troppi costi, molte incognite,
quasi certo l'annullamento

foto Sessa (edizione 2019)

Uno dei settori in grandissima crisi è quello dei luna park. In tempi normali i giostrai della tradizionale fiera di San Pietro prima della fine di maggio si sarebbero già insediati nel piazzale delle piscine. Evento simbolo dell’estate cremonese, la fiera di san Pietro quest’anno rischia di saltare. Sono stati gli stessi giostrai a spiegare al Comune che nel caso dell’avvio del luna park dopo il 15 giugno come da Decreto, non potrebbero aprire prima del 22 giugno, cioè pochi giorni prima del termine della fiera. Per questo molti di loro hanno già disdetto pensando ai mancati introiti. Per loro inoltre si prospetta un’altra incognita e cioè il pubblico. Con il virus ancora in giro non è possibile prevedere cosa deciderà di fare la gente che con la paura di poter essere contagiata da ritorni improvvisi di virulenza.
Poi c’è la questione fuochi d’artificio che da tradizione chiudono la fiera: il Comune si sta orientando verso l’annullamento, anche in questo caso per evitare assembramenti. Tra l’altro i costi dello spettacolo finale sono sulle spalle dei giostrai e il settore, già in crisi, non può sostenere anche i costi dei fuochi.

L’altro evento che caratterizza la fiera di san Pietro sono le bancarelle che tradizionalmente si tengono l’ultimo fine settimana di giugno. Ad oggi di indicazioni regionali non ce ne sono. Anche qui tanti operatori hanno già fatto sapere di non voler partecipare. Si pone poi il problema della sicurezza del viale che vista la conformazione porterebbe a rischi di assembramento. Non da ultimo il comune dovrebbe sostenere tutta una serie di spese non indifferenti su transenne, vigilanza, disinfestazione. Sarà comunque la giunta a decidere, anche se viste le attuali condizioni per la prima volta nella storia si va verso l’annullamento della manifestazione.

Silvia Galli

© Riproduzione riservata
Commenti
  • maria

    Alla mancanza di un Luna Park si sopravive a un altro ritorno di contagio……?.incognita

    • Acciaio Rapido

      Concordo, un ritorno sarebbe una mazzata, fatale per chi verrebbe aggredito dal virus, fatale economicamente per le imprese già provate da questo primo lookdown

    • Jeppetto

      Condivido

  • Paolo Fedele

    Era auspicabile che non si sarebbe fatto nulla quest’anno…. Abbiamo già capito che fino al vaccino obbligatorio non si torna alla normalità…. E poi e poi… Una grossa incognita se il virus muta…. Quindi cari italiani mettiamoci il cuore in pace….

    • Joker

      Obbligatorio? Non c’è niente di obbligatorio, e ci sarà gente che non vorrà farsi vaccinare, poi se si parte con il presupposto che il virus muta, si parte col piede sbagliato.

      • Paolo Fedele

        Non c’è nulla di sicuro sig joker… Ma pensiamola in positivo che ci fa bene all anima