2 Commenti

2 giugno: 100 campeggiatori
in città. Soprattutto
milanesi e bergamaschi

Il ponte del 2 giugno sta facendo scoprire Cremona al lombardi, costretti a rimanere dentro ai confini regionali, Da venerdì ha cominciato a riaprirsi il camping del parco al Po, dove stazionano trenta tra camping e roulotte per un centinaio di presenze. “Circa la metà degli arrivi è stata di venerdì e il resto di sabato”, spiega Giusy Biaggi, presidente del consorzio Il Solco che ha in gestione la struttura. “Sono prevalentemente gruppi e famiglie che provengono dalle province di Milano, Monza Brianza e Bergamo, alcuni si fermano fino a martedì, altri stanno due giorni e poi proseguono per altre mete”. Dunque, come era nelle previsioni, la chiusura dei confini sta premiando il turismo di prossimità, dando la possibilità a tanti lombardi di scoprire quello che di bello c’è a pochi passi da casa. Gran parte di chi è arrivato al camping ha con sé biciclette e mountain bike e sta utilizzando i percorsi che partono dalla zona del fiume. Il campeggio aveva riaperto proprio venerdì 29 maggio, in vista di questo ponte: “Queste presenze non ci stupiscono – commenta Biaggi – nei giorni precedenti avevamo ricevuto diverse telefonate, le persone avevano desiderio di godersi un po’ di libertà dopo i mesi del lockdown. L’apertura dei musei a Cremona, da domani anche il museo del Violino e la vicinanza delle Colonie Padane, daranno nuove possibilità di svago a chi sceglierà Cremona”.

© Riproduzione riservata
Commenti
  • roberto ruffo

    se avessero aperto i confini dal 1 Giugno anziche da l 3 tutta questa gente ce la sognavamo

    • Chicca

      👍