4 Commenti

Viale Po: oltre alle luci LED
per i semafori, il Comitato di
quartiere chiede altri interventi

Dopo i problemi riscontrati agli impianti semaforici lungo viale Po nelle scorse settimane per cui il Comune è corso ai ripari con un primo intervento per risolvere temporaneamente la situzione e programmandone un secondo che dovrebbe essere risolutivo e che dovrebbe essere portato a termine entro la fine del mese di giugno. Il presidente del Comitato del Quartiere 10, Matteo Tomasoni, ha però voluto sfruttare l’intervento ai semafori (su cui verranno installate luci LED) scrivendo all’amministrazione per segnalare altre “problematiche e criticità” lungo l’arteria nella speranza che “se ne tenga conto”.

All’incrocio con via dei Navaroli e via Oglio, ad esempio, secondo il Comitato di quartiere bisogenrebbe provvedere all’installazione (“visto il contesto”) di un dispositivo semaforico per non vedenti, mentre alla ciclopedonale davanti a via Oglio, si potrebbero allungare i tempi del verde, vista la presenza di una scuola. Dal Quartiere 10, in ogni caso, arrivano anche segnalazioni di interventi di manutenzione da effettuare: la palina Oglio (lato Monteverdi) è incidentata e scheggiata in più punti e andrebbe sostituita, magari protetta anche da una cordonatura alla base, così come quella di destra in via dei Navaroli. Sul lato Bel Sit, inoltre, i residenti chiedono un cordolo a protezione della palina del lato, oltre a presentare una lanterna pedonale non visibile per chi si appresta ad attraversare viale Po da via dei Navaroli.

All’intersezione con le via Adda e Vittori, invece, secondo Tomasoni andrebbero installate due paline veicolari prima dell’incrocio in questione (arrivando da Porta Po). In questo modo, sostiene, si possono attivare semafori ciclopedonali (su viale Po) ai lati di via Adda e di via Vittori. La palina pedonale in entrata a via Adda, inoltre, risulta piegata e i reisdente ne chiedono la sostituzione, con cordonatura di protezione alla base, e lo spostamente della targa della via sulla palina veicolare perché “più visibile”. Il Comitato ha poi richiesto l’allungamento dei tempi di attraversamento pedonale di viale Po.

I residenti chiedono infine, ll’altezza di via Serio e Fulcheria, la realizzazione di un secondo attraversamento pedonale su viale Po. Proprio in uscita da via Fulcheria la palina di sinistra andrebbe “fissata meglio” alla pavimentazione, mentre la palina veicolare su viale Po (lato Fulcheria, in uscita dalla città) è stata sì riparata dopo un incidente, ma la lanterna è a 1,80 metri da terra, mentre “le normative prevedono non meno di 2 metri”, con Tomasoni che conclude: “Tutte le altre lantenrne sono a 2,40 metri, per cui chiedo la sostituzione della palina”.

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti
  • ciclo-pe

    Scusate signori del viale Po, non vi viene mai in mente, tra un cordolino e un semaforino, la reale pericolosità e la rozzezza del parcheggio gratuito per pendolari invadenti posto tra i secolari platani del viale, con le auto in manovra che invadono la ciclabile e lo spazio pedonale? Va tutto bene? Siamo a norma? Non direi proprio, a parte lo schifo visibile solo nelle peggiori periferie. Ma non un lamento.

    • Abiff

      Che cribbio c’entra, solone? Questa è una tua fissazione, ma se il presidente di quartiere non ritiene sia un problema, chi sei tu per inisistere?

      • Chicca

        👍

  • Chicca

    Li stanno già installando!!!