6 Commenti

Tronchi rimossi dal ponte e
ributtati nel fiume: ennesimo
pasticcio lungo il Po

Fotoservizio Francesco Sessa

Una scena piuttosto sconcertante quella a cui hanno assistito diversi cittadini nei pressi del ponte di Po, la mattina di giovedì, quando un mucchio di tronchi e detriti è stato lasciato scivolare lungo il corso del fiume, dove ha rischiato di travolgere diverse barche ormeggiate. Una chiatta, su ordine di Rfi (Reti ferroviarie italiane), ha infatti rimosso i detriti che ormai da tempo si erano accumulati a ridosso dei piloni del ponte ferroviario.

Solo che, invece di portarli a riva per poi smaltirli, li ha lasciati andare lungo la corrente, con tutti i rischi del caso, sia per le imbarcazioni ormeggiate, sia per coloro che in quel momento stavano navigando nel fiume con la propria barca, o per i canottieri che si allenavano. Senza contare il fatto che questo legname libero nella corrente potrebbe accumularsi contro il prossimo ponte che trova, creando quindi problemi altrove. Alcuni passanti hanno segnalato la situazione alla Polizia Provinciale.

Giusto stamattina il vice sindaco e assessore al Territorio e Lavori Pubblici, Andrea Virgilio, aveva inviato una nota alla Direzione Manutenzioni Comparto sud Lombardia di Rfi per richiedere un intervento per la rimozione dei detriti, dichiarandosi “disponibile ad un confronto per cercare insieme una soluzione a questo periodico problema, evidenzia i rischi che possono derivare da questi accumuli di legname”.

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Арсений

    Così i tronchi si fermeranno sotto il ponte Verdi o a Casalmaggiore. Davvero una genialata😂😂😂!

  • Abiff

    Quelli di Rfi hanno preso anche loro il premio di produzione?

  • Chicca

    Pazzesco ! Ma come cavolo lavorano ! Chi ha dato l ordine di lasciarli andare nell acqua . Incredibile !

  • marcus

    probabilmente si spiaggeranno come tanti, la cosa peggiore è CHE non si possa raccogliere liberamente legname fluitato nell alveo dei fiumi, se non con mezzi manuali e per uso personale .

  • marcus

    Cambiate le leggi e vedrete che presto non ci sarà neanche una pianta trasportata dalla corrente sulle spiagge del po a costo zero!!!!

  • pionni

    ma portarli al termocombustore non era più logico, almeno potevano produrre energia, siamo in mano a gente VERAMENTE incompetente, che tristezza, sigh