Un commento

Scuola, approvati progetti per
adeguare e adattare gli spazi
Dal MIUR 230mila euro

Approvati dalla Giunta i progetti per l’esecuzione di interventi di adeguamento e di adattamento funzionale degli spazi e delle aule didattiche in conseguenza dell’emergenza sanitaria da Covid-19. Il Comune ha ottenuto dal MIUR un contributo di 230mila euro. Gli interventi riguardano diverse categorie di lavori, edili, impiantistici ed altri necessari per perseguire gli obiettivi di contrasto di diffusione del Coronavirus tenuto conto delle specifiche esigenze di ciascuna realtà scolastica.

Le opere che verranno eseguite riguardano le seguenti scuole per l’infanzia statali: Abbadia, Boschetto Don Primo Mazzolari, Sant’Ambrogio, San Felice (sede provvisoria di Palazzo Due Miglia), Santa Caterina e Villetta. A queste si aggiungono le scuole primarie Abbadia, Boschetto, Bissolati, Capra Plasio, Realdo Colombo, A. Manzoni di via Decia e di via Tofane, Don Primo Mazzolari, G. Miglioli, C. Monteverdi, S. Ambrogio, A. Stradivari, Trento e Trieste, Bianca Maria Visconti, e infine le scuole secondarie di primo grado Anna Frank, A. Campi, M. G. Vida e Virgilio. Tutti gli immobili sono di proprietà comunale.

“A seguito dell’emergenza sanitaria da Covid-19, il Ministero dell’Istruzione, il 24 giugno scorso, ha pubblicato un avviso pubblico, all’interno del Piano PON (Programma Operativo Nazionale) 2014-2020, per interventi di adeguamento e di adattamento funzionale degli spazi e delle aule didattiche in conseguenza dell’emergenza sanitaria che si è determinata. Il Comune di Cremona ha presentato subito la candidatura ed è risultato beneficiario di un contributo di 230mila per l’esecuzione degli interventi”, dichiarano il vicesindaco Andrea Virgilio e l’assessore all’Istruzione Maura Ruggeri. “Grazie a questi accorgimenti – concludono Virglio e Ruggeri – le misure di distanziamento saranno assicurate e, nonostante i tempi siano stretti, sarà fatto il possibile per intervenire su questi aspetti di natura strutturale, così da permettere un’adeguata gestione degli spazi da parte dei singoli dirigenti”.

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Paola

    E nei comuni vicini?