Un commento

Turismo, da Regione
744mila euro per
consolidare la rete Infopoint

La Giunta regionale della Lombardia, su proposta dell’assessore al Turismo, Marketing Territoriale e Moda, ha approvato la delibera che, con una dotazione finanziaria di 744mila euro, mira a consolidare la rete regionale degli Infopoint.  E’ previsto un contributo a fondo perduto pari al 100% a titolo di rimborso per le spese sostenute per apportare una serie di migliorie alle infrastrutture. L’obiettivo è duplice: da un lato, “rilanciare l’immagine turistica della Lombardia nella fase della ripartenza”, dall’altro “garantire la fruizione in sicurezza dei servizi da parte dei turisti”.

“La misura – spiega l’assessore Lara Magoni – garantisce ulteriormente la valorizzazione dei singoli territori, che potranno esaltare le proprie peculiarità attraverso standard omogenei di servizio e di sicurezza per i turisti”.  “In questo momento particolare, infatti, crediamo che la rete degli Infopoint – prosegue – possa contribuire in modo determinante al riposizionamento dell’immagine della destinazione Lombardia. Intendiamo perciò consolidare quel percorso di ascolto dei territori necessario per aumentare qualitativamente l’offerta e armonizzare l’accoglienza turistica. Le risorse che mettiamo a disposizione – precisa – saranno importanti per migliorare la qualità dei servizi offerti ai visitatori e per favorire il rilancio dell’attrattività regionale”.

“Il turismo è fatto dalle persone. Uno dei punti di ripartenza della nostra Lombardia – conclude l’assessore – deve essere la professionalità e la cortesia di chi lavora negli Infopoint, accogliendo quotidianamente centinaia di visitatori in tutta la Lombardia. Il loro sorriso, la loro competenza ed esperienza sono il nostro più bel biglietto da visita”. La dotazione massima del contributo sarà determinata con l’approvazione di un successivo ‘Avviso’ nella misura di almeno 8mila euro per singolo beneficiario. I soggetti beneficiari sono i gestori degli Infopoint che hanno richiesto la conferma del riconoscimento entro il 27 luglio 2020.

© Riproduzione riservata
Commenti
  • Abiff

    Io userei un po’ di quel denaro per tagliare le erbacce e tappare qualche buca nelle strade. Dopotutto, non vogliamo che i turisti che si avventurano fino qui conservino il ricordo di Cremona come un ghost-town del Nevada.