Cronaca
Commenta46

Incendio all'acciaieria Arvedi, l'azienda: 'Nessuna sostanza nociva toccata dalle fiamme'

Foto Sessa

Incendio nella mattina di giovedì presso l’acciaieria Arvedi, dove una torre di raffreddamento, a causa di un cortocircuito, ha preso fuoco. Immediatamente sono scattate tutte le misure di sicurezza previste in queste circostanze, mentre sul posto sono intervenuti immediatamente i Vigili del Fuoco con sei mezzi, che hanno avuto ragione delle fiamme. Molti i cremonesi che hanno visto e fotografato la colonna di fumo che si è levata in cielo. Fortunatamente la situazione è tornata in breve tempo sotto controllo.

AGGIORNAMENTO – “Arpa Lombardia e i Vigili del fuoco sono intervenuti prontamente” ha commentato l’assessore regionale all’Ambiente, Raffaele Cattaneo. “La situazione è sotto controllo anche dal punto di vista delle emissioni in aria. Non ci sono state conseguenze e Arpa ha pertanto ritenuto di non dover effettuare il campionamento dell’aria nella zona interessata”.

“Questa mattina presso lo stabilimento cremonese di Acciaieria Arvedi c’è stato un incendio alla torre di raffreddamento dell’impianto acque, per cause che sono in corso di accertamento” chiarisce l’azienda in una nota. “Grazie alle rigide misure di sicurezza e alle procedure di emergenza, che sono immediatamente scattate, l’incendio è stato domato in meno di un’ora, per il pronto intervento della squadra antincendio di Acciaieria Arvedi e dei Vigili del Fuoco. Nessuna persona è stata coinvolta nell’incendio e non ci sono feriti. 

Nessuna sostanza pericolosa o nociva è stata toccata dall’incendio e, dai risultati ad ora disponibili – in attesa di quelli definitivi, i cui esiti saranno confermati nella giornata di domani – le centraline non hanno evidenziato nessun problema o criticità sia per la qualità dell’aria, sia da un punto di vista ambientale. Tutti i sistemi di presidio ambientale sono prontamente entrati in funzione e intervenuti in maniera efficace e le acque utilizzate nello spegnimento dell’incendio sono state convogliate in un punto di raccolta”.

© Riproduzione riservata
Commenti