Ultim'ora
Commenta

La scomparsa di Sabrina:
la difesa chiede nuovi esami
sui resti trovati nell'auto

Foto Sessa

Nuovi esami sui resti trovati nell’auto di Sabrina Beccalli, la 39enne cremasca scomparsa a Ferragosto. Li ha chiesti la difesa di Alessandro Pasini, l’amico di Sabrina che attualmente si trova in carcere con l’accusa di omicidio e distruzione di cadavere. Nell’interrogatorio davanti al gip, Pasini aveva dichiarato di aver bruciato il corpo di Sabrina, sostenendo che la carcassa rinvenuta nell’auto carbonizzata fosse della donna. Ma quei resti, secondo gli accertamenti, sono di un cane. Secondo gli investigatori, Pasini, credendo che i resti non potessero essere identificabili, pensava di sviare le indagini. Eppure la difesa ha chiesto nuovi esami tecnico-scientifici su quella che due veterinari, uno dell’Ats di Crema e un professionista privato, hanno identificato come la carcassa di un cane di media taglia e privo di microchip rinvenuta fra il sedile posteriore e il posto a lato del conducente.

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti