Ultim'ora
Commenta

Vaccino antinfluenzale, poche
dosi, ma privatamente si può
prenotare. 'Regione chiarisca'

In Regione Lombardia sono 1 milione e 868mila i vaccini disponibili per gli adulti e 430mila quelli per i bambini, ma gli over60 in Lombardia sono quasi 2,2 milioni. “E’ evidente  che il problema non riguarda solo il comune di Milano, ma tutti i comuni lombardi. Fontana e Gallera non possono fare finta di non saperlo”,  ha dichiarato il consigliere regionale del Partito Democratico Matteo Piloni in merito al problema del reperimento dei vaccini in Regione Lombardia, dove l’ultima gara, che prevedeva l’arrivo di un milione e mezzo di dosi, non è stata aggiudicata

Piloni quindi aggiunge: “Sono mesi che si accumulano ritardi sul rifornimento dei vaccini e, nonostante questa evidenza, continuano ad arrivare da Palazzo Lombardia dichiarazioni ottimistiche e si invitano i comuni a sostenere la vaccinazione di massa. Ora che il problema c’è, Fontana e Gallera, se tengono davvero alla salute dei lombardi, devono spiegare con chiarezza la situazione, fornire numeri e date di consegna e lavorare con le amministrazioni comunali e con le altre realtà per risolvere il problema e reperire le dosi necessarie”.

“Occorrerebbe – evidenzia il consigliere demi – avere dosi a sufficienza per tutelare non solo le categorie protette, ma tutti i lombardi, a partire dal mondo della scuola e dai luoghi di lavoro e invece, ad oggi, non sono assicurate neanche le coperture dei pazienti più fragili, visto che i medici non sanno ancora nulla e dunque non possono programmare le vaccinazioni per nessuno”.

“Nel frattempo, alcune strutture private hanno aperto le prenotazioni per effettuare il vaccino antinfluenzale a pagamento, a partire dal 15 ottobre – conclude Piloni – e anche a questo proposito vorremmo avere qualche chiarimento dall’assessore Gallera: i privati ci sono riusciti e Regione Lombardia no? C’è qualcosa che non quadra”.

© Riproduzione riservata
Commenti