Ultim'ora
Commenta

L'Ats risponde a Beccari:
tamponi rapidi per scuole,
ecco come funzionano

Lettera scritta da Ats Valpadana - Ufficio Comunicazione e Urp

Gentile Direttore,

in riferimento alla lettera a firma Gabriele Beccari pubblicata da alcuni organi di stampa locali della provincia di Cremona in data 09.11.2019 dal titolo “Serve prenotare o no”, ATS della Val Padana intende precisare quanto segue.
Nella pagina del sito aziendale citata dal sig. Beccari è scritto che non è possibile a tutti accedere direttamente ai Punti Tampone, anche se muniti di autodichiarazione vidimata dalla scuola, in quanto tale percorso “rapido” è stato unicamente organizzato per i soggetti che, durante le ore scolastiche, presentano sintomi riconducibili all’infezione da SARS-COV2, previo accordo con il Medico di Medicina Generale (se trattasi di personale scolastico o ragazzi non più in carico al pediatra) o il Pediatra di Libera Scelta. Il percorso cosiddetto rapido non può essere infatti utilizzato per altre situazioni se non per quella sopra specificata.
Tale indicazione sul percorso “rapido” non solo è pubblicata sul sito aziendale di ATS della Val Padana, ma è stata anche inviata con nota il 02 novembre scorso – unitamente alle nuove indicazioni regionali relative alle modalità di riammissione in comunità dei contatti stretti di caso positivo in contesto scolastico – a tutti i Dirigenti scolastici, ai Medici di Medicina Generale e Pediatri di Libera Scelta della nostra ATS, oltre che alle ASST di Cremona, Crema e Mantova.

Ats Valpadana – Ufficio Comunicazione e Urp

 

© Riproduzione riservata
Commenti