Ultim'ora
Commenta

Diritto al cibo: con Filiera
Corta Solidale aiutate quasi
200 famiglie in 3 settimane

Quasi 200 famiglie raggiunte in tre settimane, integrando gli aiuti alimentari normalmente consegnati dalla società S.Vincenzo con prodotti freschi provenienti da un circuito di aziende locali che praticano agricoltura sostenibile: questo il positivo bilancio del progetto di contrasto delle povertà alimentari promosso da Filiera Corta Solidale, Aval e S.Vincenzo, finanziato da Regione Lombardia all’interno delle iniziative per il “Diritto al Cibo”. Un progetto reso possibile anche grazie al sostegno e alla generosità di privati, di produttori agricoli e alla partecipazione attiva del Comune di Cremona, si rafforza il progetto

In pochi giorni, numerose sono state le donazioni da parte di volontari, soci di Filiera Corta Solidale e piccoli produttori (Ca’ de Alemanni, Cornacchia, Gasperi, La Madena, L’Ortica, Rigenera), tanto da permettere alle associazioni di volontariato di raddoppiare le consegne previste dal progetto, offrendo una risposta – per quanto parziale e limitata – al crescere delle difficoltà di questo periodo. 

Su proposta dell’Assessore Viola, per aumentare l’efficacia del progetto, ampliare il numero delle famiglie beneficiarie e consentire ai volontati di svolgere le attività in condizioni adeguate, il Comune di Cremona ha deciso di mettere a disposizione uno spazio dedicato presso i locali dell’ex-mercato ortofrutticolo in via dell’Annona. Grazie alla collaborazione del Servizio Economato lo spazio sarà attivato in tempi brevi. 

Le iniziative di contrasto alla povertà potranno presto contare anche sul supporto di un nuovo progetto promosso in collaborazione con No-Spreco e Città dell’Uomo che, oltre all’assistenza alimentare, prevede la consulenza di un nutrizionista per supportare le organizzazioni di volontariato nella predisposizione di pacchi sani ed equilibrati e un piano per la gestione del flusso degli alimenti. 

© Riproduzione riservata
Commenti