Ultim'ora
45 Commenti

Zona rossa: probabile nessuna
deroga per la provincia
Si profila l'idea di un ricorso

Nessuna ancora risposta ufficiale, ma pare proprio che sarà bocciata la richiesta di alcuni comuni (tra i quali Crema, Cremona e Bergamo) di suddividere la Lombardia in aree differenti.

Lo si evince dalla risposta di Guido Marinoni, membro del Cts lombardo e presidente dell’Ordine dei medici di Bergamo: “Non so quanto possa aver senso suddividere la regione in aree con restrizioni differenti. Le persone qui si spostano troppo”.

Il nodo sarebbe, per Marinoni, capire dove e quanto ci si sposta. “I dati di alcune zone sono migliori di altre, ma la mobilità interna della regione è troppa per isolare delle province”. Zone che se attualmente hanno meno contagi rispetto ad altre” è per l’elevata diffusione del virus durante la prima ondata e quindi i cittadini prestano maggiore attenzione”.

Il sindaco di Crema Stefania Bonaldi ricorda che esentare le province dalle misure più restrittive è previsto anche dal nuovo Dpcm: “La nostra richiesta fatta al Ministro Speranza e al Presidente Fontana sembra non andrà a buon fine e da domani la Lombardia tornerà tutta in zona rossa. Anche se sembra profilarsi l’ipotesi di un ricorso. Seguiranno aggiornamenti”.

La richiesta di deroga alla zona rossa è stata sottoscritta anche dai sindaci del distretto cremonese che costituiscono l’assemblea dei soci dell’Azienda Sociale cremonese.

ab

© Riproduzione riservata
Correlati
Commenti