Ultim'ora
Commenta

Registro imprese, nel 2020
saldo negativo di 192 unità
in provincia di Cremona

1.302 le nuove imprese; 1.494 quelle che si sono cancellate nel 2020 dal Registro della Camera di Commercio di Cremona. Il saldo negativo è di 192 attività, -0.66%, peggio della media nazionale (+0.32%) registrato nel rapporto uscito ieri di Unioncamere / Infocamere. A livello regionale, la Lombardia mostra un saldo positivo di 2838 imprese, +0,30%.

La crisi ha colpito più o meno duramente quasi tutte le 12 province lombarde: mostrano segno positivo soltanto Milano (+4521, 1,19%), Brescia ( +51, 0,04%) e Varese (+54, 0,24%). Le performance peggiori sono state a Bergamo (-0,5%) e Mantova (-1,26%) mentre cali percentuali simili a quelli cremonesi si sono registrati negli altri territori lombardi.

“L’andamento demografico dell’imprenditoria italiana è apparso, lo scorso anno, complessivamente caratterizzato da una diffusa incertezza sull’evoluzione della pandemia”, scrive Unioncamere nel commentare i dati. “Il risultato, secondo i dati Unioncamere/Infocamere, è che le imprese nate nel 2020 sono state 292.308. A fronte di queste, nello stesso periodo hanno definitivamente chiuso i battenti 272.992 attività. Normalmente le cancellazioni di attività dal Registro delle imprese si concentrano nei primi tre mesi dell’anno ed è in questo periodo che si attendono le maggiori
ripercussioni della crisi dovuta alla pandemia. A fine dicembre 2020, pertanto, lo stock complessivo delle imprese esistenti ammontava a 6.078.031 unità.

Rispetto all’anno precedente, quindi, la rilevazione Movimprese segnala che le iscrizioni sono diminuite del 17,2%. Parallelamente, le cessazioni hanno fatto segnare un calo del 16,4%. La forte contrazione dei flussi di iscrizioni e cancellazioni delle imprese suggerisce dunque cautela nella quantificazione delle conseguenze del forzato rallentamento delle attività in molti settori economici. A stabilire l’entità degli effetti prodotti nel 2020 dalla crisi pandemica sul tessuto imprenditoriale, come già rilevato, sarà peraltro utile attendere le risultanze del primo trimestre dell’anno in corso. Tradizionalmente, infatti, molte comunicazioni di chiusura dell’attività pervenute al Registro delle Imprese negli ultimi giorni dell’anno vengono statisticamente conteggiate nel nuovo anno”.

Giuliana Biagi

© Riproduzione riservata
Commenti