Ultim'ora
Commenta

A Cremona volano
le richieste di nuovi
mutui: +16,3%

Balzo verso l’alto, in territorio cremonese, per la richiesta di nuovi mutui: a dirlo è uno studio del il Barometro Crif del Credito alle Famiglie, secondo cui in Lombardia il numero di richieste di nuovi mutui e surroghe abbia fatto registrare un +2,7%, con aumento generalizzato in tutte le province.

L’accentuazione più forte è appunto a Cremona, dove l’incremento è stato rispettivamente pari a +16,3%, seguita da Lodi con un +10,4%. Tiene Milano, dove la crescita è stata del +1,7%, seppur al di sotto di Brescia (+4,2%), Como (+4,0%), Monza e Brianza (3,4%), Mantova (4,8%) e Pavia (+5,0%). Leggere contrazioni registrate a Bergamo (-0.8%) e Sondrio (-3,2%).

In calo invece, nel nostro territorio come in tutta la Regione, i prestiti finanziari (-18,5%) e quelli personali (-21,1%).Performance che si rivelano pessime un po’ in tutte le province, mostrando una pesante flessione che riflette la debolezza dei consumi, specie di beni durevoli.

Nello specifico, per quanto riguarda i prestiti finalizzati, la Lombardia segna un -19,6% complessivo. Dinamica analoga per i prestiti personali, dove la regione registra un calo complessivo delle richieste del -25,6%.

Relativamente all’importo medio dei mutui richiesti, si registra un aumento generalizzato con la sola eccezione rappresentata da Lodi (-0,4%). Rispetto alla rilevazione sull’anno 2019, la provincia di Como vanta la crescita più marcata (+6,5%) che porta il valore ad assestarsi a 147.451 euro.

È però Milano che guida la classifica regionale con oltre 170.000 euro (+4,4%) rispetto al 2019 e 2° posto assoluto nel ranking nazionale dietro Bolzano), davanti a Sondrio, con 149.538 euro.

Per i prestiti finalizzati, invece, l’importo è in calo in quasi tutte le province, ad eccezione di Monza (+1,5%), Varese (+1,4%), Lodi (1,1%) e Bergamo (+0,5%), con la flessione più significativa a Sondrio (-10,2%).

Il valore richiesto più elevato si registra a Como, con oltre 8.500 euro malgrado una flessione del -2,4% rispetto al 2019, contro i 8.118 Euro di Varese, i 7.988 di Sondrio e i 7.925 di Lecco.

Anche per le richieste di prestiti personali la Lombardia ha visto un aumento apprezzabile nel 2020, con un +8,3% rispetto all’anno precedente, leggermente al di sotto della performance rilevata a livello nazionale (+9,1%).

Infine, per quanto riguarda l’importo medio dei prestiti personali richiesti, la Lombardia registra una flessione media del -3,0%, con Lecco però in netta controtendenza (+7,8%) e un valore richiesto che ammonta a 12.786 euro. Al secondo posto Milano, con 12.202 euro e una flessione del -4,1%% rispetto al 2019.

© Riproduzione riservata
Commenti