Cronaca
Commenta

Fausto Rebeccani succede a Bortolo Zigliani nell'Us Acli provinciale

Da destra, Bortolo Zigliani e Fausto Rebeccani

L’US Acli Provinciale di Cremona, come da norme statutarie, ha rinnovato i vertici per il prossimo quadriennio 2021-2024. Quello trascorso è stato un anno difficoltoso per le note problematiche legate al Covid ma i risultati organizzativi sono stati eccellenti, con innovazioni adeguate in tema relazionale-comunicativo.

Nel corso dei precedenti anni le realtà sportive affiliate all’Ente di Promozione Sportiva in provincia hanno tesserato complessivamente tra le 2500 e 2750 unità suddivise nelle discipline ciclismo, Fit-Ball, nuoto danza, pattinaggio, ginnastica, pesca sportiva.

L’ordine del giorno dell’assise provinciale, confacente alle direttive regionali e nazionali, comprendeva appunto il rinnovo delle cariche. Avendo già svolto quattro mandati, non poteva più ricoprire la carica di presidente Bortolo Zigliani.

Molto emozionato nella sua breve ed intensa relazione ci ha tenuto a puntualizzare che l’Us Acli deve continuare l’attività secondo gli schemi tradizionali che hanno dato grandi soddisfazioni. Bisogna mantenere stretti i rapporti con la presidenza Acli.

Al suo posto arriva Fausto Rebeccani, già componente del Direttivo nei precedente mandato. E’ da tempo impegnato nell’ambito del ciclismo agonistico nelle “Gran Fondo” nazionali ed internazionali. Manterrà il suo ruolo di presidente anche del gruppo Asd Bici & Bike del Bosco Ex Parmigiano.

E’ figlio d’arte essendo il padre Dante molto conosciuto per il commercio e riparazione di bici da corsa e da passeggio. Al suo fianco opereranno, per il quadriennio oltre a Bortolo Zigliani anche il segretario Luigi Del Cont, Marco Ravara, ed Antonio Castelli.

Oltre ad essi fanno parte del consiglio provinciale anche per l’area cremasca Costabile Pace, Rossella Fumagalli, Olga Scotti, Maurizio Tumminello. Ai lavori ha preso parte il presidente provinciale Bruno Tagliati che si è congratulato per il lavoro svolto e per quello che verrà fatto dal settore sportivo ricreativo delle Acli.

E’ intervenuto on-line il varesino Dario Cecchin, membro del consiglio nazionale. Da tutti è stata ribadita l’assoluta necessità di far riprendere in presenza l’attività sportiva. Il tesseramento a vari livelli va a rilento appunto per la mancanza di attività.

Ricordiamo che rappresentanti delle Acli cremonesi, parteciperanno “a distanza” ai lavori del congresso regionale e nazionale. Il tema congressuale è: “US Acli associazione in rete. Con lo sport protagonista dei cambiamenti.”

C’è ancora incertezza per la critica situazione attuale indotta dalla pandemia e per le novità previste nel Decreto Spadafora ,che coinvolgono tutti gli Enti di Promozione Sportiva, e per la Riforma del Terzo Settore, che interessa l’Associazionismo di Promozione Sportiva, Sociale e Culturale.

Marco Ravara

© Riproduzione riservata
Commenti