Cronaca
Commenta

Raddoppio Mi-Cr-Mn, eliminazione passaggi a livello Studi e approfondimenti

Sono in corso studi e approfondimenti, nell’ambito del raddoppio della linea ferroviaria Milano-Cremona-Mantova, sull’eliminazione dei passaggi a livello lungo la tratta. A spiegarlo è l’assessore comunale Simona Pasquali, in risposta all’interrogazione presentata dal consigliere Luca Nolli (M5S).

“E’ prevista la chiusura di tutti i passaggi a livello esistenti che insistono sulla tratta ferroviaria Codogno–Cremona–Mantova realizzando viabilità sostitutive mediante sovrappassi/sottopassi” ha spiegato l’assessore, evidenziando anche che “in funzione delle condizioni viabilistiche al contorno, non tutti i PL soppressi potranno avere un’opera sostitutiva dedicata”.

Dunque il progetto complessivo “valuta l’effettiva necessità e la conseguente migliore soluzione viabilistica per garantire e ristabilire la continuità preesistente” sottolinea ancora Pasquali.

“Sono stati valutati, anche tramite il nostro progettista incaricato, l’impatto sulle viabilità in modo da minimizzare gli effetti delle chiusure dei PL garantendo la continuità viabilistica sugli itinerari che coinvolgono la nuova viabilità”.

L’assessore porta anche ad esempio il caso della chiusura del passaggio a livello in corrispondenza di via Cavatigozzi e via Casanova, per il quale “è stata studiata ed è stata prevista un’apposita opera sostitutiva” costituita da “un nuovo cavalcaferrovia fuori sede rispetto al passaggio a livello esistente” in quanto “i vincoli presenti non risultano compatibili con la realizzazione di uno in sede”.

Nel tempo, verranno analizzate le altre soluzioni. “Per ora i Comuni del tratto mantovano hanno già effettuato gli incontri mentre i Comuni compresi tra Codogno e Cremona avranno un confronto entro la metà di questo mese, mentre per il tratto di nostra competenza pare probabile un incontro nella seconda metà di febbraio” conclude Pasquali.

© Riproduzione riservata
Commenti