Economia
Commenta

Bar e ristoranti pronti a riaprire,
ma lo farà "solo il 30% o 40%"

Con il passaggio in zona gialla a partire da lunedì 26 aprile, anche gli esercizi pubblici si preparano alle riaperture, anche se a farlo realmente sarà solo il “30% o 40%”, secondo i dati raccolti dalla Fipe Confcommercio di Cremona. “Alla fine – spiega il presidente provinciale Alessandro Lupi – solo bar lo faranno, mentre per quanto riguarda i ristoranti lo faranno in pochi”. Le problematiche vanno individuate nel brutto tempo previsto, ma anche nella mancanza di spazi all’aperto.

Per ovviare, almeno in parte, a questa situazione, Lupi spiega come da diverso tempo “si stanno facendo richieste in Comune per ampliare gli spazi dehor e da questo punto di vista sta rispondendo bene cercando di accogliere tutte le nostre richieste e dimostrando massima collaborazione”.

I plateatici sono gratuiti, ma a frenare le riaperture ci sono anche le norme relative al coprifuoco: “Non capiamo il fatto di fissarlo alle 22.00, a noi basterebbe arrivare a mezzanotte perché sarebbe una boccata d’ossigeno: chiaramente andiamo avanti per cercare di far cambiare idea al Governo”.

“Gli uffici stanno esaminando le nuove richieste per i plateatici e altre domande stanno arrivando”, afferma l’assessore al Commercio Barbara Manfredini “Naturalmente bisognerà conciliare le esigenze di mobilità, il passaggio dei mezzi pubblici, il rispetto del Codice della strada, infatti non si sta parlando solo di centro storico ma anche di vie trafficate”.
Tutte le attività che avevano richiesto il plateatico oppure una sua estensione nel 2020 l’hanno riconfermato e gli uffici “si stanno attivando per rispondere celermente alle domande: ricordo che non c’è imposta di bollo, la procedura è semplificata, cerchiamo di rispondere al più presto. Nel 2020 abbiamo concesso il 100% di ampliamento in più rispetto alle concessioni permanenti e temporanee che confermiamo quest’anno e per il 2021 stiamo aggiungendo altri ampliamenti”.
Tutti questi spazi saranno gratuiti fino alla fine dell’anno.

© Riproduzione riservata
Commenti