Cronaca
Commenta

Legge sull'aborto 43 anni dopo
Incontro online di ReteDonne

Lunedì 14 giugno alle ore 17.30, incontro on line a 43 anni dall’approvazione della legge 194 che regola l’interruzione volontaria della gravidanza. L’incontro sarà coordinato da Daniela Polenghi (Retedonne Se Non Ora, Quando? – Cremona) ed è promosso anche da Donne CGIL Cremona, in collaborazione con Funzione Pubblica Cgil di Cremona. Interverranno Laura Onofri (giurista, Presidente della Associazione Se Non Ora, Quando? di Torino); Laura Verbigrazia (Segreteria Nazionale Funzione Pubblica Cgil); Enrica Ronca (Responsabile del Consultorio Familiare di Cremona) e Monica Vangi (Segreteria Cgil Lombardia). Sono previsti i saluti di Paola Mosa (Direttrice Socio Sanitaria della ASST di Cremona) e Rosita Viola (Assessora alle Politiche Sociali e della Fragilità del Comune di Cremona).

Per ricevere il link e partecipare inviare una mail a donnepunto@gmail.com

Il 22 maggio 1978 veniva approvata in Italia la legge che regola l’interruzione volontaria di gravidanza. Insieme con l’abolizione della norma che proibiva la pubblicità e la vendita di contraccettivi nel nostro Paese (1971), l’approvazione della legge sull’istituzione dei consultori familiari (1975), la legge 194 ha rappresentato un importante cambiamento per la salute riproduttiva delle donne italiane e il riconoscimento dei diritti delle persone in questo ambito. In questi anni tante cose sono cambiate e l’interruzione volontaria di gravidanza è diminuita notevolmente (probabilmente uno dei più grandi successi in sanità pubblica), dal picco di 235.000 casi nel 1982-83 alle 80.000 circa nel 2017, e le donne hanno ampio accesso alla contraccezione e a questo intervento. Anche le metodiche con cui viene effettuato l’intervento sono cambiate e le complicanze sono rarissime.

© Riproduzione riservata
Commenti