Cronaca
Commenta

Raduno fascista, Galimberti:
“Manifestazione esecrabile”

“Una manifestazione esecrabile”. Con queste parole il sindaco Gianluca Galimberti ha definito il raduno fascista al cimitero che anche quest’anno si è ripetuto a Cremona.

Galimberti ha risposto ad un’interrogazione della consigliera Stella Bellini che sottolineava come la stessa manifestazione violasse il divieto di apologia del fascismo.

Il sindaco ha sottolineato come “ogni anno arriva una lettera che annuncia questo evento e l’Amministrazione Comunale, d’intesa con Prefettura, Questura e Forze dell’Ordine, risponde non dando l’assenso”.

Anche perché l’evento “avviene sulla tomba di uno dei peggiori esponenti del regime fascista” e “purtroppo si assiste all’affacciarsi di altri eventi simili”

“Le parole contenute nell’interrogazione – ha concluso Galimberti prima che anche l’assessore Rodolfo Bona intervenisse sul tema – indicano il lavoro che l’Amministrazione ha iniziato e che deve continuare a fare all’insegna dell’unità delle forze politiche e liberali: questa è la risposta alla seconda domanda”.

Il sindaco ha sottolineato inoltre che il “Comune è testimone dell’attività di vigilanza che le Forze dell’ordine svolgono in tale circostanza”.

© Riproduzione riservata
Commenti