Cronaca
Commenta

Unità pastorale Sant’Omobono
in festa per i patroni Imerio e Pietro

Due settimane di eventi nell’unità pastorale Sant’Omobono di Cremona, tra momenti di carattere liturgico, spirituale, culturale e ricreativo, per festeggiare due dei propri patroni: sant’Imerio e di san Pietro. Ad annunciarlo è il sito della Diocesi, che illustra il programma celebrativo. A partire dalla Messa in Cattedrale (alle 18) nella memoria liturgica di sant’Imerio, patrono secondario della città e della diocesi di Cremona, le cui spoglie sono conservate nella cripta della Cattedrale e davanti al quale vi sarà un momento di preghiera.

Domenica 20 giugno la Messa delle 10.30 nella chiesa di San Pietro al Po sarà presieduta da don Francesco Tassi, sacerdote novello che proprio nell’unità pastorale Sant’Omobono ha svolto il proprio servizio diaconale.

Una giornata di spiritualità è stata organizzata per martedì 22 giugno presso la chiesa di Sant’Imerio con l’esposizione dell’Eucarestia e l’adorazione dalle 15.30 fino alla Messa delle 18.30. In serata, alle 21, si riprenderà con un momento comunitario di preghiera e meditazione nella stessa chiesa di via Aporti.

Giovedì 24 giugno, alle 21, è in programma un incontro formativo aperto a tutti presso l’oratorio di Sant’Imerio con intervento del vicerettore del Seminario di Cremona, don Francesco Cortellini, sul tema “Il volto missionario delle parrocchie in un mondo che cambia”.

Un momento sportivo è poi previsto sabato 26 giugno con il torneo di beach volley presso l’oratorio di San PIetro al Po in via Giordano, a partire dalle 21.

Domenica 27 giugno, nella Messa delle 10.30 nella chiesa di S. Pietro sarà quindi presentato il Consiglio pastorale unitario appena eletto.

Infine, in occasione della festa liturgica dei Ss. Pietro e Paolo, martedì 29 giugno, il vescovo Antonio Napolioni alle 21 nella chiesa di S. Pietro al Po presiederà la Messa durante la quale conferirà i sacramento a completamento dell’Iniziazione cristiana ad alcuni ragazzi e adulti della comunità.

© Riproduzione riservata
Commenti