Cronaca
Commenta

Centri estivi nelle fattorie
didattiche, un successo

Sono sempre di più i bambini che stanno trascorrendo le giornate estive nelle fattorie didattiche Coldiretti. Una formula che riesce a coniugare rispetto per le norme anti Covid, divertimento, e aspetti educativi.

“Il nostro centro estivo sta andando davvero bene. Siamo alla terza settimana. Abbiamo avuto numerosissime adesioni. I bambini vivono ogni giornata, ogni attività, con allegria ed entusiasmo” sottolinea Elisa Mignani, titolare dell’agriturismo-fattoria didattica “Il Campagnino” di Pessina Cremonese.  “La nostra proposta si sviluppa in giornate a tema, legate ai percorsi del progetto di educazione alimentare di Coldiretti Cremona. I bambini scoprono come nascono i cibi e poi li gustano nei menu della cuoca contadina. Io ho proposto il percorso dal grano al pane e alla pizza. Grazie alla collaborazione con altre aziende agricole abbiamo mostrato ai bambini come nascono anche il formaggio, il miele, il riso. Abbiamo inoltre parlato del valore dell’acqua”.

Nella fattoria Del Cortese, a Soncino, Claudia Milani Brugna è in prima linea nel dar vita alle “settimane didattiche”. “Siamo partiti il 21 giugno e proseguiamo fino 13 agosto. I bambini sono entusiasti e anche le famiglie sono contente. I genitori ci dicono che per loro e per i loro figli questa esperienza rappresenta un ritorno alla serenità, alla spensieratezza – spiega –. Piacciono tutte le attività che proponiamo, sempre legate alla campagna e alla vita dell’azienda agricola. Ma il momento preferito resta l’incontro con gli animali, ed in particolare con i cavalli”.

Nella fattoria Maghenzani di Gianna Balestra, al Boschetto di Cremona, il centro estivo prosegue fino al 30 luglio, ispirandosi ai temi legati allo sviluppo sostenibile, in linea con l’Agenda 2030 delle Nazioni Unite. Un’idea originale, che vede i bambini impegnati in attività che fanno divertire ma anche pensare, richiamando l’attenzione, ad esempio, sulla cura dell’ambiente, sul rispetto per le persone e per la natura.

Non tutte le fattorie didattiche hanno dato vita a veri e propri centri estivi, ma tutte – ciascuna con proprie proposte e percorsi – hanno aperto le porte ai bambini e alle famiglie, pronte a regalare una sorridente estate italiana.

“C’è chi accoglie i grest, chi punta sul menu della domenica, chi ha avviato collaborazioni con le case famiglie di anziani. Idee e proposte non mancano” sottolinea Paolo Riseri, titolare dell’agriturismo-fattoria didattica La Sorgente di Montodine e presidente di Terranostra Cremona, l’associazione che raccoglie gli agriturismi e le fattorie didattiche di Coldiretti Cremona. “Sono ben 170 le fattorie didattiche presenti in Lombardia. Sono luoghi preziosi, nei quali si si vive un’esperienza legata ai cicli produttivi e all’educazione alimentare, ma qui si apprendono anche comportamenti rivolti ai consumi responsabili, la valorizzazione del singolo individuo e del lavoro di squadra, l’amore e la cura dell’ambiente, e molto altro. Sarebbe bellissimo se tutte le bambine e i bambini cremonesi potessero trascorrere almeno un giorno in  fattoria didattica”.

© Riproduzione riservata
Commenti