Spettacolo
Commenta

"La musica del Monteverdi":
ecco gli appuntamenti a teatro

Proseguono gli appuntamenti nel Ridotto del Teatro Ponchielli con , iniziativa nata dall’entusiasmo e collaborazione tra Teatro e l’Istituto Superiore di Studi Musicali “C. Monteverdi” – Conservatorio di Cremona.

Domenica 10 ottobre alle ore 11.00 le viole di Lorenzo Novelli e Francesca Senatore, accompagnati al piano da Yevgeni Galanov, presenteranno Le Sonate per viola e pianoforte di Johannes Brahms.

LE SONATE PER VIOLA E PIANOFORTE DI JOHANNES BRAHMS

domenica 10 OTTOBRE, ore 11.00

Ridotto del Teatro A. Ponchielli

LORENZO NOVELLI, viola

FRANCESCA SENATORE, viola

YEVGENI GALANOV, pianoforte

Johannes Brahms (1833 – 1897)

Sonata per viola e pianoforte in Fa minore, op. 120 n. 1

Allegro appassionato. Sostenuto ed espressivo

Andante un poco adagio

Allegretto grazioso. Trio

Vivace

Lorenzo Novelli, viola

Sonata per viola e pianoforte in Mi bemolle maggiore, op. 120 n. 2

Allegro amabile

Allegro appassionato. Trio: Sostenuto

Andante con moto. Tema con variazioni. Allegro

Francesca Senatore, viola

FRANCESCA SENATORE

Classe 1998, inizia lo studio del violino a 11 anni. Dopo aver conseguito la maturità classica, entra nel 2017 al conservatorio “Giuseppe Martucci” di Salerno e sotto la guida del maestro Alessandro Santucci intraprende lo studio della viola. Nel 2019 conclude il triennio con il massimo dei voti e lode e si trasferisce al conservatorio “Claudio Monteverdi” di Cremona per proseguire i suoi studi con il maestro Francesco Fiore. Frequenta il corso di perfezionamento di Musica da camera presso l’Accademia di Santa Cecilia a Roma. Approfondisce negli anni lo studio della viola in corsi di perfezionamento con il maestro Simonide Braconi.

LORENZO NOVELLI

Nato a Roma, si avvicina alla musica con la chitarra classica, che studia per otto anni con Galia Marzi. Nel 2002 intraprende lo studio del violino con Patrizia de Carlo ed è ammesso al Conservatorio di Santa Cecilia. Partecipa alle attività dell’Orchestra Giovanile di Roma. Nel 2011 si trasferisce a Cremona e frequenta il Dipartimento di Musicologia dell’Università di Pavia. Nel 2015 presenta una tesi su una cantata di Nicolas Clérambault, il lavoro viene pubblicato nel 2020 dal Centre de Musique Baroque di Versailles. Attualmente è laureando magistrale in musicologia. A Cremona prosegue gli studi di violino, presso l’Istituto Monteverdi, ottenendo il diploma ordinamentale nel 2017, sotto la guida di Roberto Noferini. Studia musica da camera con Silvia Chiesa e viola con il maestro Francesco Fiore a Cremona e con Jennifer Stumm a Vienna. Partecipa come violinista all’attività di numerose orchestre italiane e in quintetto con pianoforte a diversi concerti in Corea del Sud. É violista e fondatore del Galimathias Ensemble di Cremona e violista solista del Time Machine Ensemble (Fondazione Pergolesi Spontini di Jesi). Persegue inoltre l’interesse per la musica antica e la prassi esecutiva storica.Insegna educazione musicale nelle scuole medie.

YEVGENI GALANOV

Esordisce nel 1998 nel concerto dei migliori musicisti emergenti presso la Grande sala della Filarmonica Statale Bielorussa. Un anno prima, all’età di 6 anni, inizia il suo percorso musicale nella prestigiosa scuola Liceo-collegio musicale della Repubblica Bielorussa sotto la guida della Sig.ra Semeniako. Da giovanissimo si aggiudica i concorsi più importanti Bielorussi e alcuni concorsi in Russia e in Ucraina. All’età di 17 anni vince il suo primo concorso internazionale in Russia. Nel 2014 Yevgeni si trasferisce in Italia, dove inizia un nuovo percorso musicale con Davide Cabassi prima al Conservatorio Monteverdi di Bolzano e dopo a “Conservatorio Nicolini di Piacenza dove, nel 2016, si laurea con il massimo dei voti e menzione speciale. Attualmente sta studiando Direzione d’orchestra nella classe di Daniele Agiman presso il Conservatorio di Milano.

Prezzi dei biglietti: posto unico €5,00

L’accesso agli eventi in programma presso il Teatro Ponchielli sarà consentito esclusivamente ai soggetti muniti di Green Pass. La Certificazione verde COVID-19 attesta una delle seguenti condizioni: – aver fatto la vaccinazione anti COVID-19 (in Italia viene emessa sia alla prima dose sia al completamento del ciclo vaccinale); – essere negativi al test molecolare o antigenico rapido nelle ultime 48 ore; – essere guariti dal COVID-19 negli ultimi sei mesi. La verifica del Green Pass sarà effettuata all’ingresso del luogo di spettacolo dal personale di sala, si chiede la cortesia di arrivare all’ingresso già muniti di QR code (digitale o cartaceo), un documento d’identità in corso di validità e biglietto dello spettacolo. Coloro che non fossero in possesso anche solo di uno dei due documenti non potranno accedere. I bambini sotto i 12 anni sono esentati dalla certificazione verde Covid-19. Si ricorda che rimane l’obbligo dell’uso della mascherina e il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro.

© Riproduzione riservata
Commenti